A- A+
Economia
"Non mandarmi il tuo cv, brucialo". Retroscena dell'universo head hunter

Ad appena tre mesi dalla nascita si sarà già procurato qualche nemico ma al tempo stesso, come confermano i lettori in continua crescita, un successo di pubblico che neanche il creatore del sito poteva immaginare. Si tratta di Massimo Rosa che con il Blog “L’Head Hunter Politicamente Scorretto” ha squarciato il velo del formalismo per descrivere con parole comprensibili la realtà di come lui stesso lo definisce “Il circo delle Risorse Umane” con i suoi saltimbanchi, nani e ballerine, senza pietismi, mezzi termini o pacche sulle spalle.
 
Sapido, strepitoso, incredibile, assolutamente unico, sincero e trasparente sono alcuni fra gli aggettivi che compaiono nei commenti quotidiani dei lettori che sembrano non disdegnare neanche il linguaggio che spesso è aspro e diretto.
 
“Non c’è più tempo per il conformismo si deve andare al sodo…” dice Massimo Rosa Head Hunter di ventennale esperienza e ideatore del blog, “…in questo periodo dove il pragmatismo riacquista valore e sostituisce finalmente l’aria fritta, attribuire alle cose il loro nome non è difficile” continua Rosa “Per il lavoro che svolgo per anni sono stato utilizzato dai media come un esperto nella compilazione di un Curriculum Vitae vincente o nel porsi al meglio durante un colloquio di lavoro, tutte balle, sul tema si è scritto montagne di inutilità. Chiarisco; i selezionatori e gli Head Hunter professionisti non si fanno certo imbambolare da un Curriculum Vitae ben scritto o da una camicia inamidata. Per questo motivo mi sono convinto che avrei reso un servizio di una certa utilità solo se fossi riuscito a parlare di ciò che realmente avviene ed è importante nella ricerca del lavoro.”
 
Quello dell’Head Hunter politicamente scorretto non è sicuramente un blog per moderati ma vi si possono reperire concetti e punti di vista spesso “non convenzionali” che pungolano il lettore e lo inducono a riflettere da angolature nuove.
 
Concetti come “Cercare lavoro quando il lavoro lo si ha già e non solo quando lo si è perso” e “Se vuoi trovare lavoro devi smettere di cercarlo” sono i perni sui quali viene costruita la storia narrativa del blog.
 
Fra gli articoli più apprezzati dai lettori spiccano “Ti spiego perché sarebbe meglio non trovassi lavoro” una lucida e disarmante analisi del viziato sistema lavorativo prestazione-guadagno e il memorabile articolo (come viene definito dagli stessi lettori) “Non mandarmi il tuo CV, brucialo!” una visione illuminante di come funziona il mondo dei recruiters professionisti e di come certe credenze non avvantaggiano affatto i candidati in cerca di lavoro, al contrario li penalizzano.
 
Informazioni: www.massimorosa.com/blog

Tags:
head huntercacciatori di testelavoro
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.