A- A+
Economia

"Seguiremo le regole, c'e' una nuova legge in materia di contributi sociali, e Ryanair la rispettera'". Michael O'Leary, amministratore delegato di Ryanair ha confermato che non e' prevista nessuna 'fuga' dall'Italia e che vi saranno nuove rotte e nuovi programmi dopo aver raggiunto per esempio i 9 milioni di passeggeri in Puglia, commentando il comma 1 dell'articolo 38 del decreto 'Crescita 2.0' del governo Monti che dal 2013 obbliga anche Ryanair a pagare tasse e contributi come le altre imprese in Italia. O'Leary ha evidenziato che le tasse per gli assunti nelle basi Ryanair in Italia costeranno alla compagnia circa 2mln di euro, e che non accadra'- come in Spagna- nessuna fuga, anche se in Spagna e' stata solo ridotta la presenza, e che comunque si tratta di una situazione differente: hanno raddoppiato le tasse aeroportuali a Madrid e Barcellona e incrementato del 20% in altre basi come Valencia. "Altre compagnie hanno chiuso -ha sottolineato l'amministratore delegatodi Ryanair- noi abbiamo tagliato solo qualche volo"(

ALITALIA: O'LEARY, PARTNERSHIP CON AIRFRANCE PER SOPRAVVIVERE - Una partnership con AirFrance che portera' inevitabilmente a una riduzione delle tratte nazionali ma che sara' necessaria per superare lo scoglio rappresentato dagli alti costi attuali: e' la soluzione per Alitalia individuata dall'amministratore delegato di Ryanair, Michael O'Leary, a cui e' stato chiesto dai cronisti un 'consiglio' per il futuro della compagnia di bandiera italiana. "E' un momento molto difficile - ha spiegato O'Leary durante una conferenza stampa presso l'aeroporto di Bologna - per diverse compagnie di bandiera come Alitalia, Iberia, Sas perche' hanno costi molto elevati. Il mercato europeo sta evolvendo verso compagnie low cost. L'unica cosa che puo' fare Alitalia, come del resto Iberia e Sas, e' cercare di trovare un partner: AirFrance nel caso di Alitalia". L'eventuale partnership, sempre secondo il top manager della compagnia irlandese "comportera' per Alitalia una riduzione delle rotte nazionali e delle rotte dall'Italia verso altri Paesi. Questo creera' l'opportunita' per noi - ha osservato l'ad di Ryanair - di continuare a crescere in Italia, in particolare nel sud e nelle isole. Nel futuro Alitalia sopravvivera' - ha concluso - ma sara' piu' piccola e servira' soprattutto Roma, Milano, Parigi o Amsterdam come parte di un gruppo piu' vasto con AirFrance e Klm.

Tags:
ryanairtassealitalia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.