A- A+
Economia

 

scaroni

L'amministratore delegato dell'Eni, Paolo Scaroni, risulta indagato nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla procura di Milano su una presunta maxitangente da 200 milioni che Saipem avrebbe pagato perottenere appalti in Algeria.

L'ipotesi di reato contestata alnumero uno dell'Eni dai pm Fabio de Paquale e Sergio Spadaroe' quella di corruzione internazionale.

Stando a quanto si apprende in ambienti giudiziarimilanesi, i militari della guardia di Finanza stannoeseguendo in queste ore una serie di perquisizioninell'abitazione di Scaroni, nella sede Eni di San DonatoMilanese nonche' negli uffici di Saipem.

"Eni è totalmente estranea all'indagine della Procura di Milano". Lo sottolinea la società del cane a sei zampe. Il riferimento è all'inchiesta su presunte tangenti in Algeria della Saipem.

IL COMUNICATO:

In merito all’inchiesta giudiziaria della Procura della Repubblica di Milano che coinvolge Saipem per attività in Algeria, Eni prende atto che la Procura ha esteso le indagini anche nei confronti di Eni e del suo Amministratore Delegato. Eni e il suo Amministratore Delegato si dichiarano totalmente estranei alle vicende oggetto di indagine.

Già a fine novembre 2012, alla notizia dell'indagine per asserita corruzione internazionale in relazione a progetti di Saipem in Algeria, Eni si è immediatamente attivata raccomandando alla propria controllata Saipem, nel rispetto della sua autonomia in quanto società quotata, di mettere in atto tutte le più opportune azioni di verifica interna, di cooperazione con la magistratura e di discontinuità organizzative e gestionali, che hanno portato alle dimissioni e licenziamento di diversi ruoli apicali di Saipem coinvolti nelle attività oggetto di indagine.

Eni ha inoltre direttamente fornito, e continuerà a fornire, la massima cooperazione alla magistratura.

Tags:
saipemscaronieni

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.