A- A+
Economia
Superbonus, per le famiglie la cessione dei crediti sarà più semplice

Superbonus,  cessione dei crediti: si allarga il mercato al di là delle sole banche 

Superbonus al 110%, il mercato dei credi di imposta può trovare terreno fertile per decollare. Sarebbe in dirittura d'arrivo infatti un decreto del ministero dell'Economia che, fornendo un'interpretazione autentica delle norme- riuscirà a scioglierei dubbi che fino a questo momento hanno contribuito ad alimentare esitazione negli operatori. Uno dei punti di forza del 110%, scrive Il Messaggero, è la possibilità di cedere il credito d'imposta, ovvero la tassa che andrò a pagare, immediatamente, anzichè attendere la dichiarazione dei redditi, diluita in cinque anni di rate annuali.

L'intera spesa sarà recuperabile in tempi stretti. Un elemento di enorme convenienza per le famiglie che detiene un perso decisivo quando devono essere decisi i lavori a livello condominiali. Finora però anche su questo aspetto c'era incertezza a causa di una norma del 2015: il decreto del ministero dell'Economia che in attuazione del testo unico bancario disciplina l'attività degli intermediari finanziari, come le banche. Prevedendo tra l'altro che sia riservata a tali soggetti l'attività, di concessione di finanziamenti.

Il ministero dell'Economia ha deciso quindi di fare chiarezza con un nuovo provvedimento - ormai sostanzialmente pronto, che afferma un principio molto semplice: siccome nel 2015 quella dei crediti Iva era l'unica fattispecie di questo tipo esistente e dunque le altre non potevano essere menzionate, l'eccezione va interpretata in senso allargato, comprendendo anche le forme di credito d'imposta che nel frattempo sono state rese possibili.

Un ritocco apparentemente formale che però entro alcune settimane dovrebbe avere l'effetto di sbloccare e allargare il mercato al di là delle sole banche, rendendo quindi più facile per tutti sfruttare accanto all'agevolazione in sè anche questa favorevolissima forma di utilizzo. I crediti potranno essere ceduti senza problemi agli stessi fornitori di beni e servizi o ad altri soggetti (persone fisiche o società), con possibilità poi di cessioni successive. Un'opzione che si aggiunge a quella dello sconto in fattura che può essere praticato sempre dai fornitori.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    superbonus crediti cessionesuperbonus famigliesuperbonus famiglie crediti
    i più visti

    casa, immobiliare
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.