A- A+
Economia
rifiuti

Cambiano i tempi, non la sostanza: la Tares, la nuova tassa sui rifiuti, sarà un'imposta che peserà non poco sui constribuenti. L'ultima novità, frutto di una negoziazione tra le commissioni Ambiente e Bilancio del Senato ha fatto slittare la nuova imposta a luglio. Prevista inizialmente per gennaio, l'imposta è stato spostata prima ad aprile e adesso di altri tre mesi. Una piccola boccata d'ossigeno che potrebbe però trasformarsi in un ingorgo fiscale: nella seconda parte dell'anno, nel giro di pochi mesi, si dovranno sborsare due pesanti "balzelli" come Imu e Tares.      

4 RATE - La Tares si pagherà in 4 rate: la prima a gennaio, le altre ad aprile, luglio e dicembre. Le prime saranno commisurate a quanto pagato con la Tarsu o la Tia (le vecchie imposte sui rifiuti) perché la nuova tariffa sarà commisurata all'80% della superficie catastale, un dato che a oggi i Comuni non possiedono.

A COSA SERVE - L'imposta prevede che le tariffe debbano coprire il 100% dei costi, ossia non solo le spese di smaltimento rifiuti ma anche quello di altri servizi, come illuminazione pubblica e manutenzione stradale. Per raggiungere l'obiettivo, le amministrazioni locali potranno applicare una sovratassa, che varia tra i 30 a i 40 centesimi al metro quadro. Vista la sete di risorse delle società di servizi e dei Comuni, non è difficile prevedere che molte amministrazioni preferiranno ritoccare le imposte.

RINCARI - La Tares, secondo i calcoli degli esperti, porterà una dote aggiuntiva di aggravio per i bilanci delle famiglie italiane di 80 euro in più all'anno, pari a un aumento secco del 37,5%, che si vanno ad aggiungere ai 225 euro sborsati quest'anno. In tutto, stima la Uil, 305 euro: in media più di quanto pagato per l'Imu sull'abitazione principale. E' solo I'ultimo, e più sostanzioso, aumento registrato da 5 anni a questa parte. Secondo i dati fornita dalla Uil, nel 2012 Tia o Tarsu hanno toccato i 225 euro medi, il 2,4% in più rispetto al 2011 e il 14,3% rispetto al 2007. Allargando il conto alla Tares 2013, significa un aumento del 154% in 6 anni.

RISCHIO INGORGO FISCALE - Il ripetuto spostamento della prima rata (da gennaio ad aprile e adesso a lugio) rischia di creare un ingorgo fiscale. Nella seconda parte dell'anno, i contribuenti saranno chiamati a sborsare non solo i soldi della tassa sui rifiuti, ma anche quelli dell'Imu

 

 

Tags:
tarestasserifiuti

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.