A- A+
Economia
Tasi, entro il 16 ottobre versare la prima rata. Ecco quanto paga l'inquilino

La Tasi ha un trattamento diverso a seconda che riguardi un’abitazione considerata abitazione principale o meno. Semplificando i termini della questione nella stragrande maggioranza dei casi si paga il tributo con l’aliquota dell’abitazione principale per tutti gli immobili esentati dall’Imu. Quindi l’abitazione in cui si risiede e si dimora e le pertinenze, una sola per tipologia: se ci sono due box, su uno si paga la Tasi abitazione principale, sull’altro la Tasi per gli altri immobili che però va a sommarsi all’Imu. La Tasi, esattamente come l’Imu, è dovuta da chi occupa l’immobile a seguito di un diritto reale: quindi chi ha l’usufrutto o il diritto di abitazione e il coniuge separato che occupa a seguito di sentenza l’abitazione anche se non ne è proprietario.

Una novità della Tasi rispetto a Imu e Ici è che se l’immobile è affittato per almeno sei mesi nel corso dell’anno una quota variabile tra il 10 e il 30% (la percentuale la decide il comune) è a carico dell’inquilino. In caso di inadempienza di quest’ultimo l’amministrazione non potrà chiedere nulla al proprietario perché la responsabilità di assolvere all’adempimento è in capo all’inquilino.

E per pagarla? La Tasi si versa con il modello F24 in banca, posta, online o con l’apposito bollettino postale. Il versamento è pari al 50% del tributo dovuto per l’anno. Chi ricorre al modello F24 deve compilare, oltre ai dati anagrafici, la sezione "Imu ed altri tributi locali" indicando codice catastale del Comune, numero di immobili per cui si esegue il versamento, anno di imposta cui si riferisce il pagamento e importo da versare barrando la casella "acconto". Il codice tributo previsto per definire l’ abitazione principale e le pertinenze è 3958; quello per gli altri fabbricati il 3961.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tasifiscocomunecasainquilini
i più visti
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa


casa, immobiliare
motori
Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.