A- A+
Economia
Def, ecco a chi andrà il bonus da 1,6 miliardi di Matteo Renzi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Il timing dell'operazione è fissato. Palazzo Chigi punta all'approvazione del Def entro la fine del mese da parte del Parlamento, entrambi i rami. Dopodiché il governo sarà libero di varare un decreto legge per stabilire a chi andrà il miliardo e seicento milioni di euro del tesoretto per il 2015. In sostanza il provvedimento del presidente del Consiglio - guarda caso - arriverà proprio circa venti giorni prima dell'apertura delle urne per le elezioni regionali del 31 maggio. Ovviamente i renziani spiegano che si tratta di pure casualità, ma i maligni - non solo dell'opposizione - parlano del bis degli 80 euro, ovvero del bonus che l'anno scorso fece trionfare il Pd alle Europee. Insomma, Renzi avrebbe studiato il dossier molto attentamente in modo tale da giocarsi la 'mancia elettorale' visti anche i sondaggi non proprio entusiasmanti (e non solo in Veneto). Ma dove finirà il tesoretto? Pare che sia in atto un braccio di ferro tra la presidenza del Consiglio e il ministero dell'Economia. Pier Carlo Padoan vorrebbe utilizzare questi fondi per alleviare la sforbiciata agli Enti Locali, soprattutto i Comuni, e per finanziare investimenti pubblici in opere infrastrutturali. Ma il capo del governo non è d'accordo. Da Via XX Settembre fanno notare che un intervento a favore di una fascia di popolazione sarebbe una tantum e non potrebbe entrare a regime per la mancanza di copertura per i prossimi anni. Fonti del Pd, però, spiegano ad Affaritaliani.it che Renzi si sarebbe impuntato e vorrebbe a tutti i costi utilizzare questi soldi extra come intervento straordinario a favore degli incapienti, ovvero coloro che guadagnano talmente poco da non pagare un euro di tasse. L'ipotesi sul tavolo del premier sarebbe quella di prevedere una una tantum per qualche mese a sostegno di tutti i cittadini che si trovano sotto la cosiddetta fascia 'no tax area', siano essi lavoratori dipendenti, partite Iva, pensionati, esodati, cassa integrati o altro. E' evidente, però, che vista l'esiguità dei fondi e la platea abbastanza ampia il contributo straordinario non potrà essere particolarmente rilevante. Ma comunque sempre un buono spot elettorale...

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tesoretto mancia elettorale incapienti
i più visti
in evidenza
Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

Spettacoli

Hunziker-Trussardi: è finita
“Dopo 10 anni ci separiamo”


casa, immobiliare
motori
Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato

Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.