A- A+
Economia
TFR in busta paga: il 62% degli italiani è contrario

Ancora oggi, il presidente del Consiglio Renzi ha ripreso l’idea di lasciare nella busta paga dei lavoratori la quota accantonata ogni mese per il TFR (Trattamento di Fine Rapporto). Gli interessati potrebbero così disporre immediatamente di una fonte di reddito ulteriore – da trasformarsi, secondo gli auspici del governo, in maggiori consumi – ma dovrebbero rinunciare alla disponibilità di una cifra consistente nel momento della cessazione del lavoro.

Proprio questo aspetto rende perplessi gli italiani. La maggior parte – quasi due su tre, secondo un sondaggio Ispo – mostra di preferire l’accantonamento del TFR, in modo da ritrovarsi una cifra consistente a fine rapporto. Solo  poco più del 30% si orienta verso la riscossione immediata della quota di TFR, con una accentuazione tra gli impiegati. Mentre, viceversa, tra gli operai, è ancora maggiore la quota di chi preferisce l’accantonamento del TFR e si dichiara contrario alla distribuzione mensile in busta paga.

È interessante la differenziazione delle risposte rispetto al reddito familiare. In tutti i livelli, la maggioranza si conferma per la continuazione del sistema com’è ora, ma nelle due categorie estreme,  i più “poveri” (meno di 15.000 euro all’anno) da un verso e i più “ricchi” (più di  50.000 euro l’anno) dall’altro, si rileva un’accentuazione relativa (che raggiunge il 41%) per l’erogazione mensile del TFR.
L’atteggiamento critico verso l’erogazione mensile del TFR è confermato da molte risposte degli intervistati. Ad esempio, il 69% lamenta la possibilità di una tassazione maggiore, il 67% teme per la perdita di una forma di risparmio anche se forzosa. Non solo: il 50% NON ritiene che la distribuzione mensile del TFR costituisca un aiuto per le famiglie. E il 60% dichiara di NON credere che questo eventuale provvedimento possa rilanciare i consumi.

Ciò che, in ogni caso, accomuna quasi tutti gli italiani è l’idea che ciascuno debba essere libero di scegliere. Secondo l’81%, il lavoratore deve decidere autonomamente il destino del proprio TFR.

Tags:
tfr busta
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla

Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.