Advertisement
A- A+
Economia
Visite fiscali, Boeri: "7 ore di reperibilità per tutti"

Un peggioramento per i privati, nulla di nuovo per gli statali. Le fasce di reperibilità in casa nei giorni di malattia dovrebbero essere uguali per pubblico e privato ed essere "almeno di sette ore per tutti". Lo ha detto il presidente dell'Inps, Tito Boeri, a margine di un convegno alla Camera spiegando che "non ha senso che ci siano differenze fra pubblico e privato". Al momento, le fasce di reperibilità prevedono 4 ore giornaliere per i lavoratori privati e 7 ore per quelli pubblici. "In questo modo - ha spiegato intervenendo alla presentazione della ricerca 'Domiciliarita' e residenzialità per l'invecchiamento attivò - si potrebbero ridurre le spese e gestire al meglio i medici e svolgere i controlli in modo efficiente".

"Colgo l'occasione per sottolineare che il nostro istituto è pronto ad assumersi queste nuove responsabilità, ma per farlo ci occorrono delle risorse aggiuntive", ha spiegato Boeri riferendosi alla parte del decreto Madia che prevede un polo unico per le visite fiscali in capo all'istituto. Attualmente, infatti, l'Inps effettua le visite fiscali soltanto per i privati, mentre per gli statali se ne occupano le Asl. Con l'approvazione del decreto Madia, l'Inps sarebbe l'unico soggetto a cui spetta l'espletamento delle visite fiscali. "Sarebbe molto importante se potessimo anche organizzare meglio, ottimizzare il tempo dei medici" per quanto riguarda il loro lavoro. "Su questo terreno del monitoraggio delle assenze per malattia, posso garantire che nei prossimi mesi il nostro istituto sarà attivo", ha concluso Boeri.

In mattina il presidente era intervenuto anche sullo stile di vita dei pensionati. "Stiamo conducendo una battaglia culturale per un 'invecchiamento attivo', ovvero per avere dei pensionati che mantengono un ruolo attivo nella società che consente anche di prevenire molte malattie psichiche diffuse in età avanzata. Boeri ha quindi sottolineato "il forte legame esistente tra protezione sociale e salute", osservando che "gli straordinari progressi fatti dalla medicina consentono oggi di contrastare una serie di malattie, soprattutto oncologiche,  allungando così la vita". Per questo motivo, ha concluso il presidente dell'Inps, "siamo impegnati per associare la pensione a un ruolo attivo, per esempio nel mondo dell'associazionismo".

"La grande sfida dei prossimi decenni in Italia sarà quella sulla non autosufficienza", ha detto Boeri. "Secondo le nostre stime - ha spiegato Boeri - la spesa per la non autosufficienza è destinata a passare dal -2% del Pil a sopra il 3%. Potremo dunque affrontare questa sfida non soltanto chiedendo un contributo maggiore ai lavoratori e agli stessi pensionati, ma anche riuscendo a razionalizzare molta dell'assistenza che oggi troviamo".

Tags:
boeri visite fiscali
Loading...
in vetrina
Meteo marzo choc: neve a bassa quota e nubifragi. Altro che primavera...

Meteo marzo choc: neve a bassa quota e nubifragi. Altro che primavera...

i più visti
in evidenza
Coronavirus, "Bere acqua calda" Il rimedio contro le fake news

Cronache

Coronavirus, "Bere acqua calda"
Il rimedio contro le fake news


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuovo Landtrek, il Pick Up firmato Peugeot

Nuovo Landtrek, il Pick Up firmato Peugeot


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.