A- A+
EmiliaRomagnaItalia

Bologna - Circa un quarto dei Comuni italiani ha già deciso di aumentare le aliquote dell'addizionale adottate l'anno scorso dal governo centrale.

tasse
 

Quella massima, pari allo 0,8%, è stata scelta da 267 municipi, secca, cioè senza nemmeno aggiungerci un'esenzione per le fasce di reddito più basse o uno scaglionamento sempre in base al reddito. Nella seconda fascia dei tartassati anche Bologna. Chi ha un reddito lordo superiore ai 12mila euro pagherà un aliquota dello 0,7%. Ad esempio per un reddito lordo di 60mila euro lordi si va a pagare circa 420 euro. Per un reddito minimo di 1500 euro al mese paghi 280 euro di tassa comunale in media. Una sorta di tassa sull'indigenza, sulla fame

In attesa delle altre tasse tra cui la temuta service tax ecco il primo recupero dell'Imu. In regione comuni come Ferrara, Riccone e Reggio Emilia la adottano ma solo su redditi superiori ai 75mila euro.

Nel silenzio assoluto della classe politica locale e nazionale sul tema ecco l'ennesimo regalo in forma di tasse della politica italiana. Un modo come un altro per continuare a deprimere i consumi e l'economia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bolognaimutassemerola
in evidenza
Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

La Divina vuota il sacco

Gravidanza e bacio a Rosolino
Fede Pellegrini, la verità

i più visti
in vetrina
E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.