Il Rototom Sunsplash 2010 si trasferisce in Spagna, a Benicàssim

Venerdì, 19 febbraio 2010 - 19:00:00

Bob Marley
  • No alla criminalizzazione delle culture alternative e del dissenso 
    di Angelo Maria Perrino
  • Forum/ Sei d'accordo con la legge che vieta il festival per evitare l'uso di droghe? O la musica è sacra e non si tocca? Dì la tua
  •  L'associazione Rototom replica su Affaritaliani.it al sottosegretario Giovanardi: "Il Sunsplah è un festival libero dalle droghe pesanti". LEGGI IL DOCUMENTO COMPLETO IN ESCLUSIVA 
  • Gli appelli delle star
  • Le carte giudiziarie della vicenda. Un autentico 'capolavoro letterario' ottocentesco. PDF
  • Daniele Farina, portavoce del Leoncavallo, ad Affari: "Se un giorno faremo la Norimberga del proibizionismo Giovanardi sarà tra gli imputati..."
  • "Organizzatori del festival reggae, fottetevene e andate avanti!" di Maurizio De Caro
  • Renzo Arbore ad Affaritaliani.it: "Amo il reggae, e sono anche stato in Jamaica. Per loro la ganja ha un valore religioso, per noi italiani no. La mia proposta è salvare la musica e lasciare il festival in Italia, ma senza droghe. Un compromesso va trovato, per il bene della musica!"

  • Caso Rototom, su Affaritaliani.it gli atti del consiglio comunale di Osoppo. LEGGI LE 'CARTE SCOTTANTI'

  • Il sindaco di Osoppo Bottoni (Pdl) ad Affaritaliani.it: "Un posto per il festival da noi ci sarà sempre. E' una fonte di introiti importante"

  • Moni Ovadia ad Affaritaliani: "L'Italia odia i giovani. E l'assurdo caso Rototom ne è la dimostrazione. Le argomentazioni di Giovanardi? Folli!". L'AUDIO-INTERVISTA IN CUI L'ARTISTA SI SFOGA...

  • Il Rototom Sunspalsh dice addio all’Italia. Dopo le polemiche sollevate al presidente Filippo Giunta per la violazione dell’articolo 79 della legge Fini-Giovanardi in materia di droghe, gli organizzatori del più grande festival reggae d’Europa scelgono un’altra sede: la Spagna. La località prescelta è Benicàssim, piccolo paese di 13.000 abitanti situato nella località costiera fra Valencia e Barcellona. Dal 21 al 28 agosto prossimi, nella cittadina spagnola di Benicàssim -facente parte della comunità autonoma Valenciana- si esibiranno i più grandi artisti reggae del pianeta.

    Negli ultimi anni, il Rototom Sunsplash è diventato un vero e proprio social forum europeo su tematiche quali la pace, l'ambiente, i diritti umani, lo sviluppo sostenibile nel dichiarato intento di costruire “un altro mondo possibile”. Il Festival, nato 16 anni fa in Friuli, era sorto inizialmente come punto di ritrovo per tutti gli appassionati di musica reggae in Italia. Nel decennio che ha trascorso  nella scenografia naturale del Parco del Rivellino di Osoppo (Ud), la manifestazione ha preso forma giungendo ai 300.000 spettatori dell’edizione scorsa, provenienti da 120 paesi di etnia diversa.

    Di fronte ad una crescente intolleranza della politica italiana verso qualsivoglia

    modello di società multietnica e multirazziale, il Rototom ha ritenuto doveroso, per rispetto verso i suoi partecipanti, trasferirsi in un altro Paese - sempre in Europa- più accogliente, più aperto e più democratico.

    La ricerca si è concentrata principalmente in Spagna, date le grandi affinità culturali tra i due Paesi, e si è fermata a Benicàssim poiché in questa località esiste già uno spazio dedicato ai grandi eventi, ed essa è conosciuta nel mondo per la presenza di un altro Festival internazionale, il Fib (Festival Internacional de Benicàssim), che si svolgerà quest’anno dal 15 al 18 luglio. La località marina è dotata di infrastrutture turistiche d’accoglienza e la gente è ospitale ed abituata a confrontarsi con spettatori di grandi eventi provenienti da tutto il mondo.

    Ciò permetterà al Rototom Sunsplash di restare fedele a se stesso, non modificando l'impostazione del Festival e ponendosi anche ulteriori obiettivi, come dare impulso alla scena reggae spagnola creando una sorta di raduno spagnolo all’interno del più vasto raduno europeo. Avvicinare l'Europa ai Caraibi sarà in un certo senso più facile, grazie alla grande apertura e alla stretta connessione tra la Spagna e le Americhe.

    Oltre al programma musicale, che vedrà l'esibizione dei più grandi artisti reggae del mondo (il cast è in avanzato stato di definizione), la formula rimarrà quindi la stessa di sempre. Si svolgeranno incontri e dibattiti, corsi di percussioni, danza, strumenti musicali etnici, cucina africana, ecc., ma anche esposizioni d'arte, mostre fotografiche, arte dal vivo, proiezione film e documentari. Saranno proposti anche spettacoli e laboratori teatrali, insieme ad attività olistiche (meditazioni, massaggi, terapie del benessere, ecc.) e ad attività autogestite dalle tantissime associazioni no profit presenti al Festival Rototom. Rimane la nostalgia di lasciare una cornice bucolica, come quella creatasi negli anni nel Parco del Rivellino di Osoppo, ma lo “spirito libero” del Festival è incontenibile.
    Ivan Vadori

    0 mi piace, 0 non mi piace

    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA
    In Vetrina