A- A+
Esteri
Abu Omar

La corte di Appello di Milano ha inflitto 7 anni all'ex capo della Cia in Italia, Jeff Castelli, a conclusione dell'appello 'stralcio' per il sequestro di Abu Omar. In primo grado era stato prosciolto sulla base della immunità diplomatica, come altri due agenti, che oggi hanno avuto 6 anni. La Cassazione ha già condannato 23 agenti Usa.

Il 28 gennaio il governo Monti aveva confermato il segreto di Stato sulla vicenda del rapimento dell'ex imam di Milano, ribadendo così la scelta già fatta dai governi Prodi e Berlusconi. E' quanto è emerso nel processo d'appello di Milano in cui la difesa di Marco Mancini ha prodotto una lettera della presidenza del Consiglio. Nella lettera, l'avvocato Luca Lauri chiarisce che il segreto di stato riguarda in particolare "i rapporti tra i servizi di intelligence nazionali e stranieri" ed evidenzia che proprio per questo "l'autorità giudiziaria non può né acquisire né utilizzare atti coperti da segreto". Duarnet l'udienza il legale  chiarito che nella lettera viene "rilevata la vigenza del segreto di Stato", come già apposto sulla vicenda del sequestro dell'ex imam egiziano, avvenuto nel 2003.

Lo scorso settembre la Cassazione, oltre a condannare 23 agenti della Cia in via definitiva per il sequestro di Abu Omar, aveva annullato la sentenza di non doversi procedere per Marco Mancini, l'ex numero uno del Sismi Nicolò Pollari e per altri tre ex responsabili del servizio segreto militare, perché, in sostanza, aveva ritenuto troppo lunga e in parte illegittima la 'coperta' dell'immunità del segreto di Stato. Da qui il nuovo processo d'appello per i cinque imputati che si è concluso con la condanna a 7 anni per l'ex capo della Cia in Italia, Jeff Castelli.

Per il possesso di cd e dvd con documenti "atti a fornire notizie che nell'interesse della sicurezza dello Stato dovevano rimanere segrete", tra cui anche materiale relativo al caso Abu Omar, è stato rinviato a giudizio l'ex funzionario del Sismi Pio Pompa, prosciolto invece dalle accuse di peculato e violazione di corrispondenza per la vicenda del cosiddetto archivio riservato di via Nazionale, a Roma. Il processo a Pompa si aprirà il 17 ottobre prossimo davanti alla Corte d'assise del capoluogo umbro.
 

Tags:
abu omarciarapimento

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.