A- A+
Esteri
Accordo storico a Pechino: la Russia e la Cina firmano l'intesa sul gas

Dopo oltre un decennio di trattative la Russia ha firmato un'intesa di lungo termine della durata di 30 anni per fornire alla Cina 38 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Nei giorni passati si era parlato di un'intesa dal controvalore di 456 miliardi di dollari. Oggi Gazprom si e' limitata a parlare di un accordo per oltre 400 miliardi di dollari.

L'accordo tra la russa Gazprom e la cinese CNPC partira' dal 2018. Il contratto e' stato firmato dai presidenti dei due gruppi, Zhou Jiping, a capo di China National Petroleum Corporation (CNPC), e Alexei Miller, CEO di Gazprom, il cui titolo ha guadagnato il 2% subito dopo la notizia. La firma arriva durante il secondo e ultimo giorno di permanenza in Cina del presidente russo, Vladimir Putin, che ieri ha firmato con il presidente cinese Xi Jinping altri 49 contratti di cooperazione bilaterale.

Cooperazione e impegno ad aumentare gli scambi bilaterali, portandoli a cento miliardi di dollari entro la fine del 2015. Sono stati questi i temi principali del primo giorno di visita ufficiale in Cina di Vladimir Putin. Il presidente russo e' atterrato ieri mattina a Shanghai per prendere parte a un summit sulla sicurezza asiatica - la Conference on Interaction and Confidence Building Measures in Asia, o CICA - che si tiene nell'hub finanziario della Cina, ed e' stato a colloquio con il presidente cinese, Xi Jinping, che ha incontrato per la prima volta in Cina dall'insediamento dello stesso Xi, nel marzo dello scorso anno.

Con Xi, Putin cui ha discusso dei legami tra i due Paesi, entrambi membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e della volonta' manifestata da Putin di portare il volume degli scambi a cento miliardi di dollari entro la fine del prossimo anno, dai poco meno di novanta attuali. La Cina, che e' il primo partner commerciale di Mosca, prevede di raddoppiare questa cifra entro il 2020. I due presidenti hanno poi fatto da testimoni alla firma di "una serie di importanti accordi di cooperazione bilaterale" scriveva l'agenzia Xinhua, senza scendere nel dettaglio. Oltre alla forniture energetiche, i piu' importanti progetti congiunti che Mosca e Pechino intendono sviluppare nei prossimi anni, riguardano i campi del turismo, delle infrastrutture e della logistica.

Nello specifico, ricordava il quotidiano China Daily, l'accordo sulle infrastrutture prevede la realizzazione del primo ponte tra Russia e Cina, che attraversera' la Siberia orientale per arrivare nella provincia nord-orientale cinese dello Heilongjiang, e fungera' da corridoio per le esportazioni; l'accordo sul turismo, invece, e' indirizzato soprattutto alla costruzione di infrastrutture per i piu' anziani in entrambi i Paesi; l'accordo sulla logistica vede al centro gli investimenti nella divisione cinese del provider Global Logistic Properties.

Xi e Putin hanno poi parlato anche della crisi in Ucraina. I due presidenti hanno espresso "grave preoccupazione" per la crisi in corso nel Paese e hanno firmato un accordo per invitare alla moderazione ed evitare l'escalation del conflitto. Le risoluzioni politiche delle tensioni internazionali sono state al centro anche del colloquio tra il presidente cinese Xi Jinping e il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon. Cina e Russia sono, per motivi diversi, sotto i riflettori internazionali: la Russia, gia' sottoposta a una raffica di sanzioni dall'Unione Europea, per il ruolo nella crisi in Ucraina, e la Cina per le dispute di sovranita' territoriale nei mari che la bagnano, sia con alcuni Paesi del sud-est asiatico - in particolare Vietnam e Filippine - che con il Giappone per le Senkaku/Diaoyu, che sorgono a nord di Taiwan.

A sancire ulteriormente i rapporti tra Cina e Russia, ci saranno poi, a fine mese le esercitazioni navali congiunte, appuntamento annuale, che si terranno proprio nel Mare Cinese Orientale, secondo quanto annunciato il 30 aprile scorso dal Ministero della Difesa cinese, ma che non avranno come target le isole contese con Tokyo. Il rapporto con la Russia riveste una grande importanza per Xi Jinping, che aveva scelto Mosca, a marzo dello scorso anno, come destinazione di una visita ufficiale da presidente cinese, a pochi giorni dall'insediamento. In quell'occasione Pechino e Mosca avevano firmato l'accordo per una maxi-fornitura di greggio pari a 600mila barili al giorno per 25 anni, per un valore complessivo di 270 miliardi di dollari, con la possibilita' di arrivare fino a 900mila barili al giorno durante la durata del contratto.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pechinorussiacina
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
16 maggio 1968: Citroen presenta alla stampa mondiale la Mehari

16 maggio 1968: Citroen presenta alla stampa mondiale la Mehari


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.