A- A+
Esteri
Afghanistan: scandalo in Usa per i contractor di lusso

Un conto da oltre 50 milioni di dollari e' stato pagato dal governo degli Stati Uniti a un'agenzia di contractor britannica, la New Century Consulting (Ncc), chiamata da Washington ad aiutare a formare membri dell'intelligence in Afghanistan. Tra le voci di spesa, secondo quanto riporta il Guardian, compaiono anche sette auto di lusso - tra cui Porsche, Bentley e Aston Martin in uso esclusivo alla dirigenza - migliaia di dollari in armi automatiche, nonche' compensi considerevoli e bonus a diversi zeri a consulenti e altri "esponenti significativi" del management, pagati come se fossero dislocati sul campo. A denunciare quanto e' successo e' stata la senatrice democratica del Missouri, Claire McCaskill, membro della Commissione per la Sicurezza in patria e Affari governativi, che ha presentato i risultati della verifica in una lettera al Pentagono. "Chiunque abbia approvato queste spese dovrebbe essere licenziato, e' uno schiaffo in faccia ai contribuenti del Missouri e all'intero sistema di contractor", ha commentato, chiedendo di conoscere quale dipartimento alla Difesa avesse la responsabilita' di vigilare, quali passi sono stati intrapresi per recuperare soldi e se il governo americano abbia pensato di proibire nuovi contratti federali alla Ncc.

Da parte sua, Micheal Grunberg, ad della societa' britannica, si e' rifiutato di commentare nel dettaglio le accuse, limitandosi a sottolineare che la Ncc si e' sforzata di seguire le regole federali e "altri obblighi rilevanti", e definendo "assolutamente scorretto e altamente inaccurato" sostenere che agli assistenti esecutivi venivano pagati stipendi inappropriati. La verifica "ha contestato esclusivamente l'uso e il trattamento svalutativo dei veicoli", ha aggiunto, specificando che la societa' aveva a disposizione "non piu' di tre auto allo stesso tempo". Infine, ha concluso, l'acquisto di armi automatiche per un valore di 42mila dollari, che sarebbe stato effettuato in contanti per aggirare il divieto di comprarne, e' stato condotto in modo appropriato e sotto la direzione del comando responsabile per la formazione e addestramento delle forze americane in Afghanistan. Il rapporto americano ha preso in esame il periodo 2008-2013, quando alla Ncc era stato subappaltato il compito di consulenza in Afghanistan dalla Imperatis Corporation. Proprio le lamentele registrate verso quest'ultima avevano spinto le autorita' americane ad indagare. Nel 2007 la Imperatis Corporation aveva ottenuto un primo contratto per addestrare l'intelligence in Iraq, per poi passare in Afghanistan nel 2010. Nel 2013 la Ncc aveva ottenuto un contratto di formazione per conto proprio presso i ministeri afghani della Difesa e degli Interni. Secondo i dati raccolti dall'ispettorato generale, le due societa' insieme sono state pagate in totale 522,4 milioni di dollari. Il tema dei contractor e' particolarmente delicato ed e' tornato alla ribalta di recente dopo che e' stato svelato come una societa' abbia proposto di inviare un 'esercito' di militari privati in Afghanistan per gestire la situazione.

Tags:
afghanistan scandalo contractorusa scandalo contractor afghanistan
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.