A- A+
Esteri

Barack Obama - il presidente americano che ha fatto degli attacchi con i droni l'elemento portante della lotta al terrorismo di Washington- ha ceduto alle pressioni e accettato di mostrare alle commissioni Intelligence di Camera e Senato i documenti riservati utilizzati per giustificare, da un punto di vista legale, un attacco compiuto da un aereo senza pilota americano nel 2011 in Yemen contro un cittadino americano: Anwar Awlaki, un fanatico estremista nato in New Mexico, ma poi diventato tra i leader di al-Qaeda. I senatori chiedevano da mesi di poter leggere i pareri del ministero della Giustizia quando aveva concesso alla Casa Bianca l'autorita legale di ordinare l'omicidio mirato contro un cittadino americano. Adesso, la novita': un funzionario dell'amministrazione ha reso nota la decisione alla vigilia dell'audizione in Senato dell'uomo candidato a guidare la Cia, John Brennan, nel secondo mandato di Obama. Alcuni senatori avevano avvertito che avrebbero utilizzato l'audizione come leva per forzare l'amministrazione a condividere i fondamenti legali e costituzionali che utilizza il governo americano per uccidere i propri concittadini.

Tags:
ciacongressousa

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.