A- A+
Esteri
Erdogan si è fatto la "Casa BIanca". E' costata 350 milioni di dollari

Il Presidente della Repubblica di Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha inaugurato la nuova sede presidenziale che si è fatto costruire nella periferia di Ankara. Il suo nome è Ak Sary, la "Casa Bianca" turca e occupa un'area di 200mila metri quadri. Secondo i media turchi i costi di realizzazione hanno raggiunto i 350 milioni di dollari. La costruzione ha scatenato le proteste degli ecologisti, poiché sorge nel mezzo di una riserva naturale protetta.

In occasione della Festa della Repubblica, Erdogan ha aperto per la prima volta le porte del nuovo palazzo presidenziale che si trova nel quartiere periferico di Bestepe (Cinque Colli). Al suo interno il complesso conta mille camere, una stanza di forma ovale come quella di Barack Obama e un'architettura che reinterpreta in chiave moderna lo stile della dinastia selgiuchide, al potere dall'undicesimo al quattordicesimo secolo. La Casa Bianca turca permetterà a Erdogan di non risedere più nella Cankaya, storico palazzo presidenziale che ha ospitato tutti i suoi predecessori.

Oltre alle polemiche ambientaliste dovute all'abbattimento di migliaia di alberi in un'area protetta, sul Presidente sono piovute anche le critiche di "megalomania" per il costo enorme dell'edificio.

Tags:
casa bianca turchia
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.