A- A+
Esteri
Caso diplomatico Giappone-Sud Corea

 

Il Giappone ha richiamato l'ambasciatore dalla Corea del Sud e ha deciso il blocco degli indennizzi sul caso "comfort women", le donne sudcoreane poste sotto schiavitù sessuale a opera dell'esercito nipponico nella II Guerra mondiale. Si inaspriscono i rapporti tra Tokyo e Seul, dopo che il Giappone aveva chiesto la rimozione di una statua di una giovane ragazza, eretta di fronte al consolato. Le donne vogliono scuse pubbliche.

Secondo Tokyo la statua posizionata da un gruppo di attivisti non rispetta gli accordi firmati dai due Paesi nel dicembre 2015, in base ai quali il Giappone si impegnava a corrispondere un fondo di un miliardo di yen (circa 7,5 milioni di euro) come contributo alle famiglie e alle stesse superstiti. In cambio Seul si sarebbe impegnata a non criticare il Paese del Sol Levante sulla questione a livello internazionale.

Le "comfort women" erano donne locali, prevalentemente sudcoreane, ma anche cinesi, filippine e indonesiane - fino a 200mila secondo le stime - soggette a uno stato di schiavitù sessuale dall'esercito giapponese durante la guerra.

A fine dicembre il partito all'opposizione in Corea del Sud si era dichiarato contrario all'accordo ratificato nel 2015 dalla presidente Park Geun-hye col Giappone, sottolineando che se dovesse vincere le prossime elezioni l'intesa sarà annullata.

Tags:
giappone sud corea
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.