A- A+
Esteri
Catalogna, assordante e imbarazzato silenzio dell'Unione europea

Bruxelles e' rimasta arroccata in un imbarazzato e assordante silenzio di fronte alle violenze della polizia spagnola per impedire il referendum catalano. Un silenzio "inaccettabile" per l'europarlamentare irlandese dello Sinn Fein Matt Carthy e per molti cittadini che hanno inondato di messaggi i social network. A far sentire la propria voce sono stati invece gli indipendentisti, con la premier scozzese Nicola Sturgeon, che ha invitato le autorita' di Madrid a lasciar votare liberamente; e i socialisti, con le nette parole di condanna delle violenze del numero uno del Labour Jeremy Corbyn. I leader delle istituzioni Ue, tutti della famiglia del Ppe - la stessa del Partido Popular del premier Mariano Rajoy - hanno evitato dichiarazioni ufficiali, nell'attesa di 'metabolizzare' la situazione, ma soprattutto cercando la linea, stretti tra un voto incostituzionale e un rispetto della Costituzione imposto con la violenza. Una questione rimandata comunque solo di poche ore, visto che domani si apre la plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo.

A rompere gli indugi sono stati invece il leader dei Socialisti e democratici al Parlamento europeo Gianni Pittella, e quello dei liberali dell'Alde Guy Verhofstadt. La guida del Ppe, Manfred Weber, ha preferito tacere, anche per vedere quale sara' la difesa di Rajoy, al quale Podemos chiede le dimissioni. Pittella, pur rimarcando il carattere di illegalita' del "non-referendum", ha definito quello di oggi un "giorno triste per la Spagna e per l'intera Europa", attaccando frontalmente Rajoy, accusato di "non aver fatto niente per evitare" le violenze. Pittella ha infatti giudicato "scandaloso che il governo conservatore non abbia aperto un dialogo prima, ignorando la voce di tanti catalani". Verhofstadt, dal canto suo, ha invitato ad "una soluzione negoziata nella quale siano coinvolte tutte le parti politiche, inclusa l'opposizione al Parlamento catalano". La prima ad insorgere davanti alle violenze - che alcuni osservatori hanno associato a immagini di memoria franchista - e' stata Sturgeon, che ha parlato di scene "alquanto scioccanti e sicuramente non necessarie". Anche il premier belga Charles Michel ha usato parole di condanna, chiedendo il dialogo tra le parti. A lui si e' associato lo sloveno Miro Cerar, che ha rivolto un appello a trovare "soluzioni pacifiche". "Le ferite sono profonde", ha osservato il ministro degli Esteri lituano Linas Linkevicius, ma ora "il dialogo con la propria gente e' un dovere per la Spagna".

Tags:
ue catalogna
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.