A- A+
Esteri

"Devo essere stato molto cattivo. Mio padre è morto. Mio fratello è morto. Mia sorella è morta. Siamo rimasti soli io e la mamma. Cosa posso fare perchè lei non muoia? Conosci un modo per salvarla?" Questa è la domanda - crudele, ricorrente - che tanti bambini siriani fanno agli operatori dell'ong Terre des Hommes. Alloggiati in centri d'accoglienza o accampati in locali come garage, cantieri, scuole, aule comunali, i bimbi siriani, al pari degli adulti, non riescono a comprendere la guerra e questa loro nuova condizione di sfollati.

In Siria la stessa idea della guerra civile è completamente estranea alla maggior parte dei suoi abitanti: fino al marzo 2011 la Siria ha goduto di un lungo periodo di pace interna, al contrario dei paesi limitrofi. Adesso, con più di 60.000 morti (oltre 3.500 dei quali bambini) e 600.000 profughi, è una terribile realtà che tocca tutti, nessuno escluso. Non sorprende quindi che i bambini cerchino una ragione nelle loro marachelle per tutto il dolore che si è abbattuto sulla loro famiglia. Spesso gli operatori non sanno rispondere a domande di questo tipo e per questo Terre des Hommes ha pensato di avviare un programma di formazione per operatori e insegnanti, finalizzato a migliorare le loro capacità di assistenza ai bambini traumatizzati e aiutarli a superare lo shock.

Questo programma si affianca agli aiuti umanitari che l'organizzazione sta distribuendo da mesi in varie zone della Siria agli sfollati, il cui numero è stimato in almeno 4 milioni. Si tratta per lo più di famiglie composte da donne, bambini e anziani, che cercano di salvarsi spostandosi verso luoghi ancora non colpiti pesantemente dal conflitto, ma che per la maggior parte non hanno risorse economiche per mangiare e vestirsi adeguatamente. Grazie ai fondi di AGIRE, Unicef e OCHA Terre des Hommes ha distribuito biancheria interna, pigiami, tute invernali e pannolini per bambini, nonchè prodotti per l'igiene personale per bambini e donne a Damasco e nelle zone limitrofe. In varie cliniche della Mezzaluna Rossa abbiamo distribuito complessi multivitaminici per bambini malnutriti, che stanno diventando sempre più numerosi.

Il prossimo obiettivo è portare gli aiuti in altre zone del paese, sempre più difficili da raggiungere a causa dell'estendersi del conflitto. Nei campi profughi vogliamo poi realizzare delle aree protette in cui bambine e ragazze possano muoversi in sicurezza. Infatti la promiscuità di quei luoghi porta a frequenti episodi di violenza e abusi, che aggiungono altri traumi a quelli già purtroppo subiti a causa della guerra.

Una volontaria dell'ong Terre des Hommes
 

Tags:
siria

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.