A- A+
Esteri

In Egitto non si arresta la violenza contro il governo del presidente Mohamed Morsi. E' salito ad almeno sette morti e 630 feriti il bilancio provvisorio dei nuovi scontri sfociati a Port Said a margine dei funerali per le 33 vittime delle violenze di sabato. Il totale delle vittime e' al momento fermo a quota 49, tra cui due agenti, ma si temono possibili nuove vittime tra i 630 feriti di oggi. La maggioranza delle persone ricoverate ha denunciato problemi respiratori per l'uso massiccio dei gas lacrimogeni mentre 38 sono stati colpiti da proiettili. Il corteo funebre si e' svolto in una situazione di fortissima tensione, con migliaia di persone che scandivano slogan anti-governativi. Il disagio anche tra le forze dell'ordine e' stato tale che al neo ministro degli Interni, Mohamed Ibrahim, e' stato impedito di seguire i funerali di uno degli agenti uccisi. A innescare le violenze di sabato, nella citta' sul canale di Suez, era stata la notizia arrivata dal Cairo delle condanne a morte di 21 tifosi della squadra locale dell'Al-Masry per la strage allo stadio del febbraio 2012.

Tags:
egittoport said

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.