A- A+
Esteri

Hosni Muabarak sara' processato di nuovo: la Corte di Cassazione egiziana ha accolto il ricorso presentato dall'ex Rais e dal suo ex ministro dell'Interno, Habib al-Adli, condannati nel giugno scorso all'ergastolo per il coinvolgimento nell'uccisione di manifestanti durante le proteste del 2011 che portarono alla caduta del regime. Mubarak, i suoi due figli Alaa e Gamal, e l'ex ministro dell'Interno saranno processati di nuovo, ha annunciato il giudice Ahmed Ali Abdel Rahman al termine di una breve udienza. Dovranno pero' tutti restare in carcere in quanto devono rispondere anche di altri reati. E' stato ordinato un nuovo processo anche per sei dei massimi vertici del ministero dell'Interno durante la rivolta di piazza Tahrir, che erano stati assolti. In aula i sostenitori di Mubarak che esibivano ritratti dell'ex Rais hanno salutato la sentenza al grido di "Viva la giustizia!".

La data del nuovo processo non e' ancora stata fissata. Il nuovo processo riguardera' Mubarak, i suoi due figli Alaa e Gamal, l'ex ministro dell'Interno e sei alti funzionari del ministero dell'Interno, ha annunciato il giudice Ahmed Ali Abdel Rahman al termine di una breve udienza. I Mubarak e al-Adli dovranno restare in carcere in quanto devono rispondere anche di altri reati. In aula i sostenitori di Mubarak che esibivano ritratti dell'ex Rais hanno salutato la sentenza al grido di "Viva la giustizia!". La precedente sentenza aveva suscitato grande rabbia nell'opinione pubblica perche' non ci fu alcuna condanna diretta per i responsabili della morte di piu' di 800 manifestanti.

La decisione sul nuovo processo arriva a meno di due settimane dal secondo anniversario della rivoluzione che ha rovesciato Mubarak e spianato la strada all'elezione del presidente islamista, Mohamed Morsi. Il 2 giugno scorso, Mubarak e Adly erano stati condannati all'ergastolo per non aver saputo impedire la morte di piu' dei manifestanti nei 18 giorni della rivolta popolare scoppiata il 25 gennaio 2011. L'84enne Mubarak e i figli Gamal and Alaa erano stati assolti dalle accuse di corruzione. Sabato l'ex Rais, ricoverato in un ospedale militare in seguito a una caduta in cui si era fratturato diverse costole, e' stato interrogato in merito a nuove accuse di corruzione riguardanti regali di un valore pari a 700.000 euro.

IGNOTI ATTACCANO MANIFESTANTI ANTI-MORSI, 23 FERITI - Al Cairo uomini a volto coperto hanno lanciato bombe molotov e sparato con fucili da caccia contro i manifestanti accampati davanti al palazzo presidenziale di Mohamed Morsi. Molte tende che da un mese ospitavano gli oppositori del governo islamista egiziano hanno preso fuoco e il bilancio dei disordini e' di sette poliziotti e 16 civili feriti. Due degli aggressori sono stati successivamente arrestati, ha reso noto la polizia. I manifestanti chiedono l'annullamento della Costituzione ispirata alla sharia approvata dai Fratelli musulmani con l'appoggio dei salafiti, che considerano illiberale.

Tags:
egittocassazionemubarak

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.