A- A+
Esteri
Emanuela Palazzani, donne manager alla riscossa in Europa

Di Cinzia Boschiero

INTERVISTA a  Emanuela Palazzani,  eletta di recente, prima italiana, come  new entry nel Board del Direttivo di WILEurope (Women in Leadership), già CEO & Strategic Planner di T-Immobil Srl

Domanda: l’Italia , secondo Lei, si sta mettendo a pari con gli altri Stati europei in termini di   pari opportunità ?
Risposta: diciamo che con il Governo Renzi diverse donne hanno avuto ruoli importanti e si è aperta una breccia, ma molto rimane ancora da fare e credo che il ruolo internazionale ed europeo delle donne manager rialzerà il destino dell’Italia.  Nel nostro Paese c’è stato un aumento importante della percentuale femminile nel management dopo l’entrata in vigore della legge 120/2011 finalizzata a promuovere l’equilibrio di genere. La presenza di donne risulta molto più alta (pari al 23,8%) negli organi di amministrazione e controllo delle società che hanno rinnovato gli organi dopo il 12 febbraio del 2013, obbligate quindi ad assegnare al genere meno rappresentato almeno il 20% delle cariche in sede di prima applicazione.

Domanda: cosa fa WilEurope?
Risposta: WilEurope punta a rafforzare network tra donne manager e lavoratrici di alto livello per progetti di cooperazione, di formazione, di aggiornamento. Inoltre conferisce borse di studio per giovani donne talents per aiutarle a crescere professionalmente con delle masterclass e stages in aziende. Offre alle socie anche seminari webinar gratuiti con enti di qualità come INSEAD e seminari con stakeholders.
Domanda: come si  differenzia la vostra associazione dalle miriadi di altre associazioni al femminile?
Risposta: Le associazioni al femminile in Italia sono molte, ma noi realizziamo pochi progetti, ma concreti lavorativamente e professionalmente. Inoltre siamo riconosciute in sedi istituzionali di rilievo come punto di riferimento quali la Commissione Europea , la madrina e’ stata Vivianne Reading e il Parlamento Europeo

Domanda:  serve un avanzamento culturale o funziona oggi la sinergia tra donne?
Risposta: in Italia serve un passo in più, non siamo ancora capaci di fare network tra associazioni in modo tale da essere una lobby credibile di riferimento per le scelte strategiche del Paese. WilEurope crede nella Leadership femminile per lo sviluppo economico e sociale.

Domanda: lei ha fatto parte anche di altre associazioni nazionali ed internazionali quali AIDDA e FCEM. Inoltre ha un curriculum professionale che l’ha portata ad essere prima donna relatrice alla  IWC International Women Conference a Bangalore.  Che gap c’è tra Italia e altri Stati?
Risposta: Il mio contributo nel direttivo WILEUROPE è focalizzato alla valorizzazione della managerialità italiana all’estero. Serve essere presenti in progetti europei ed internazionali, fare sentire la propria voce e dare spazio all’eccellenza italiana. Mi batterò perché il ruolo dell’Italia venga riconosciuto, e durante il semestre europeo italiano, come WILEUROPE ITALY,  organizzeremo un importante evento  di B2B per le imprese e per i liberi professionisti per rafforzare la cooperazione e il networking e puntare su innovazione e sviluppo. Programmi europei come COSME  e HORIZON 2020 richiedono sforzi di compattezza da parte delle pmi e  consulenza attiva e concreta che  Wil Europe Network pioì fornire.  C’è un gap profondo tra Italia e il mondo direi: le nostre piccole e medie imprese , condotte a livello familiare devono essere aiutate a decollare all’estero, devono essere sgravate dalle tasse o affonderanno. Molti bandi camerali o di altri enti anche ministeriali sono emanati in ritardo e con modulistica farraginosa, iter complessi . Questo non può e non deve più succedere, se vogliamo salvare il Sistema Paese.

Domanda:  con Lei nel WILEurope  Board  ci sono  per il periodo   2014-2017 personalità  quali   Paulina Dejmek-Hack, Deputy Head of Cabinet of Michel Barnier, Directorate General Internal Market and Services;  Deb Leary O.B.E., CEO Forensic Pathways;    Sonia Trocmé-Le Page, Co-Founder and partner, Global Private Equity e altre donne in posizioni apicali di diversi Stati europei.  Vi siete confrontate su come mai l’Italia faccia fatica ad ottenere i fondi comunitari?
Risposta: certo , in Spagna ad esempio lo stato ha dato consulenti gratuiti alle imprese per aiutarle a partecipare a bandi europei e hanno funzionari statali che conoscono  diverse lingue. In Italia la parteciapzione ai bandi e’ costosa , perche’ la complessita’ burocratica richiede l’assistenza di professionisti specializzazti.

Domanda: per  il Made In il Parlamento europeo  ha deciso di tutelare meglio le imprese, cosa ne pensa?
Risposta: sono assolutamente favorevole a condizione che si riconosca il  valore della filiera made in.

Domanda: come WilEurope credete nel ruolo della ricerca?
Risposta: la ricerca e l’innovazione sono la chiave di volta per uno Stato. La Germania e altri paesi hanno fatto politiche di austerity ma non hanno tagliato i fondi per la ricerca perché sono strategici. Ci auguriamo che l’attenzione del nuovo governo al tema si traduca in riforme efficaci e rapide.

Tags:
palazzani
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.