A- A+
Esteri
Francia, passa tra le polemiche la contestata riforma del lavoro

Il governo socialista francese e' sopravissuto alla mozione di sfiducia presentata dall'opposizione di centro destra ed e' riuscito a imporre la contestata riforma del lavoro. La riforma del codice del lavoro, fin da quando e' stata presentata due mesi fa, e' stata oggetto di forti e violente contestazioni che hanno visto sindacati e studenti scendere in piazza a Parigi e in altre grandi citta' del Paese tra cui Marsiglia e Tolosa. La mozione di sfiducia ha ottenuto solo 246 voti all'Assemblea Nazionale: per far cadere il governo erano necessari 288 si'.

Martedi' scorso il governo francese ha deciso di forzare la mano facendo approvare la riforma con decreto governativo ricorrendo all'articolo 49-3 della Costituzione che permette di far passare una legge senza il voto del Parlamento. Una mossa che ha spaccato la maggioranza. L'Assemblea Nazionale poteva opporsi solo votando una mozione di sfiducia che e' stata presentata dall'opposizione di centro destra ma non e' passata perche' i ribelli socialisti alla fine non si sono uniti ai conservatori per far cadere il governo. Solo per un paio di firme i parlamentari di sinistra non sono riusciti ieri a depositare una loro mozione di sfiducia. Da un mese si susseguono le manifestazioni in tutto il Paese contro la legge che concede maggiore flessibilita' alle imprese in materia di orari, organizzazione del lavoro e licenziamenti per ragioni economiche, e oggi le proteste sono sfociate in violenti scontri in piazza sia a Parigi che in altre citta'. I sindacati hanno gia' annunciato lotta dura.

Tags:
francia riforma lavoro
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.