A- A+
Esteri
Grecia: Parlamento vara nuovi tagli. Scontri in piazza e un arresto

Il Parlamento greco ha approvato nella notte un nuovo pacchetto di misure di austerita' concordate dal governo di Alexis Tsipras con i creditori internazionali. Le misure, destinate a imporre ulteriori sacrifici alla popolazione per i prossimi tre anni, hanno scatenato furiose proteste davanti al Parlamento, con la polizia che ha usato i lacrimogeni per respingere l'assalto di decine di giovani a volto coperto che lanciavano bottiglie molotov. C'e' stato anche un arresto fra gli oltre oltre 10.000 manifestanti. Le nuove misure prevedono per il 2018 e 2019 tagli alle pensioni e una riduzione degli sconti e delle detrazioni fiscali per sbloccare una tranche di prestiti che servono ad Atene per rimborsare in luglio 7 miliardi di euro di debito ai suoi creditori, Ue, Bce e Fmi. Mercoledi' circa 18.000 persone hanno manifestato ad Atene, Salonicco e in altre citta'. Nella capitale le proteste erano degenerate in scontri con la polizia che hanno riportato la capitale greca ai tempi della rivolta contro i tagli e le riforme tra il 2010 e il 2012.  

Tags:
grecia parlamento tagligrecia tagli scontriscontri grecia tagli
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.