A- A+
Esteri

Guai per il figlio del ministro degli esteri francese. E' stato sentito dalla polizia al quartier generale nel 7 ° arrondissement di Parigi. Sarebbe passato per un senso vietato e sarebbe stato fermato da un vigile urbano. Ma il giovane nega. Per i media francesi Thomas Fabius avrebbe forzato un posto di blocco nel centro della città, per poi essere inseguito dalla polizia. Ma il suo avvocato nega tutto: non c'è stata l'elusione del blocco, l'arresto, il rifiuto di fermarsi, la multa.

Secondo una ricostruzione Thomas Fabius era alla guida della sua Audi A5. Si trova davanti a una strada chiusa per una esercitazione antincendio. Allora imbocca una via laterale, anch'essa transennata. Viene visto dall'agente che avverte la centrale e dopo pochi minuti viene fermato e portato alla stazione di polizia. Poi tutte le altre ricostruzioni. E i media si scatenano.

Tags:
fabius
in evidenza
"Napoli-Kvara pazzeschi. Karius? Ci ho perso una scommessa e..."

Diletta Leotta ad Affari

"Napoli-Kvara pazzeschi. Karius? Ci ho perso una scommessa e..."


in vetrina
CDP Business Matching: al via nuovo network imprese fra Italia e USA

CDP Business Matching: al via nuovo network imprese fra Italia e USA


motori
Mercedes-EQ EQE-SUV 350 4Matic: compagna di viaggio ideale

Mercedes-EQ EQE-SUV 350 4Matic: compagna di viaggio ideale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.