A- A+
Esteri

Sulaiman Abu Ghaith, genero e portavoce di Osama bin Laden, e' stato incriminato per terrorismo a New York. In particolare e' stato accusato di aver cospirato per uccidere cittadini statunitensi. Abu Ghaith e' stato catturato ad Ankara lo scorso mese in un'operazione congiunta tra le forze di sicurezza turche e la Cia. Da li e' stato spostato in Giordania e poi negli Stati Uniti.

A dare l'annuncio dell'incriminazione di Abu Ghaith, 47 anni di origine kuwaitiana, e' stato il ministro della Giustizia Eric Holder. Quest'ultimo ha sottolineato, che "nessuna distanza o tempo saranno mai troppi e nulla indebolira' la nostra determinazione a portare i nemici dell'America di fronte alla giustizia", a pagare per i loro crimini. Il volto di Abu Ghayt e' rimasto impresso nella memoria degli americani perche' il 12 settembre 2001 apparve insieme a Osama bin Laden e l'allora n. 2 di al Qaeda, Ayman al Zawahiri, per rivendicare l'attentato a cuore degli Usa, del giorno prima. In seguito quale portavoce di bin Laden registro diversi messaggi di minaccia contro gli Stati Uniti e i loro alleati, "cristiani ed ebrei".

Tags:
genero osama
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.