A- A+
Esteri

Il presidente turco Abdullah Gul ha approvato la nuova e contestata legge che limita la vendita e la pubblicità degli alcolici. Questa legge, proposta dal partito del premier Erdogan, Akp, è stata approvata dal Parlamento turco lo scorso 24 maggio e viene annoverata tra uno dei motivi dello scoppio delle recenti proteste di piazza Taksim.

Alcune voci di corridoio avevano avanzato l'ipotesi che il presidente, Abdullah Gul, il quale aveva invitato al dialogo e all'uso non eccessivo della forza, avrebbe potuto non firmare la legge sull'alcol, nel caso in cui avrebbe ritenuto che alcuni elementi fossero in contrasto con la Costituzione, ma così non è stato. La firma della legge non mancherà quindi di gettare nuova benzina sul fuoco della protesta anti-conservatrice contro il partito AKP che sta diventando sempre più islamico conservatore e sempre meno moderato.

Tags:
presidente turco
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.