A- A+
Esteri

Gli elettori israeliani sono chiamati a votare il 22 gennaio prossimo per eleggere su base proporzionale i 120 deputati della Knesset, con un mandato quadriennale. In totale sono in lizza 34 liste elettorali che rappresentano 38 partiti: solo una quindicina di formazioni dovrebbe tuttavia riuscire a superare la soglia del 2% prevista dalla legge per poter entrare in Parlamento. Dopo l'abolizione nel 2003 dell'elezione diretta del Primo ministro spetta al presidente della Repubblica, entro una settimana dal voto, affidare l'incarico a un premier designato, il quale avrà 28 giorni di tempo (prorogabili di ulteriori due settimane) per formare un esecutivo; in caso di fallimento, si avrebbe una nuova designazione con identici termini. Di norma il premier designato è il leader del partito di maggioranza relativa, ma nulla vieta che venga prescelto un rappresentante di una formazione ritenuta in grado di formare più facilmente un governo attraverso il gioco dlle alleanze post-elettorali.

Tags:
israelevoto

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.