A- A+
Esteri

La Francia invierà altri 150 soldati di rinforzo a Kidal, nel nord del Mali. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri, Laurent Fabius, intervistato dai giornalisti mentre era in attesa all'aeroporto parigino Charles de Gaulle-Roissy del rientro delle salme di Ghislaine Dupont e Claude Verlon, i due giornalisti di Radio France International assassinati in Mali lo scorso sabato.

Il volo AF3873 de Air France partito da Bamako e' atterrato a Parigi pochi minuti dopo le 7 ora locale. Ad attendere le bare, il presidente della Repubblica, Francois Hollande, insieme ai ministri della Cultura e Comunicazione, Aurelie Filippetti, e Fabius. Dupont, 57 anni, e Verlon, 55, sono stati sequestrati lo scorso sabato a Kidal e i loro corpi senza vita sono stati ritrovati poco dopo, crivelati di colpi, senza che nessuno avesse rivendicato l'esecuzione. Le autorita' maliane hanno assicurato che faranno "tutto il possibile per trovare i colpevoli"; una fonte della gendarmeria a Gao, principale citta' nel nord del Paese, lunedi' ha reso noto che erano stati fermati una decina di persone, ma da Parigi hanno replicato che non c'e' stato alcun arresto.

Tags:
francia mali
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.