A- A+
Esteri

"Mio padre ha 83 anni, e si ritrova la pensione ridotta del 45 per cento. Mia sorella dirige un negozio ma non riceve lo stipendio da 4 mesi". Ilias Tzempetonidis, casting manager al Teatro alla Scala, è uno dei sei greci "eccellenti"  in Italia che a "Io donna", in uscita sabato 12 gennaio, hanno raccontato quanto sono arrabbiati e con chi per la crisi del loro Paese. Come Spyros Theodoridis, vincitore di Masterchef 2011: "I greci sono menefreghisti finché le situazioni non precipitano e solo allora si ribellano. Il Paese ne uscirà vendendo tutto, anche l'Acropoli".  Mentre Irene Pontikaki, medico all'ospedale Gaetano Pini di Milano, sostiene: "Lo stravolgimento dello stile di vita, e l'uso massiccio del credito dopo l'ingresso in Europa erano il preludio a un disastro". Tutti vivono il momento con grande sofferenza: "A Creta vedo negozi e uffici chiusi in strade dove prima c'era grande fermento. Uomini e donne della classe media pranzano alle mense dei poveri, mentre i giovani partono" dice Maria Xanthoudaxi, direttore dei servizi educativi del Museo della Scienza e della Tecnica di Milano. Per quanto riguarda le sorti dell'Italia, Theano Lianidou, a.d. di Mars Italia, e lo psicoanalista Panayotis Kantzas, sono su fronti contrapposti: "Da voi c'è un'industria che la Grecia non ha mai avuto" è l'ottimistica osservazione della manager. "L'Italia è vicina a un tracollo simile a quello del mio Paese", è invece l'allarmistica previsione dello studioso.
 

Tags:
acropoligrecia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.