A- A+
Esteri
putin

Il Comitato Investigativo Federale, equivalente russo dell'Fbi, ha derubricato le accuse a carico dei 28 attivisti di Greenpeace, tra cui l'italiano Cristian d'Alessandro, e di due giornalisti free-lance, ritirando quella originaria di pirateria e formulando invece quella, meno grave, di teppismo: lo ha annunciato il portavoce dello stesso Comitato , Vladimir Markin. I militanti ecologisti erano stati arrestati il 19 settembre scorso dopo aver tentato di abbordare la piattaforma petrolifera 'Prirazlomnaya', in segno di protesta contro le trivellazioni nell'Artico del colosso 'Gazprom'

Il nuovo capo d'accusa comporta anche una sensibile riduzione della pena di cui sono passibili gli ambientalisti: in caso di condanna per teppismo e' prevista infatti la reclusione fino a un massimo di sette anni, mentre per quella di pirateria e' comminato oltre doppio, fino a quindici anni di carcere. Dal 24 settembre, data dall'arrivo in porto sotto scorta del rompighiaccio 'Arctic Sunrise' a bordo del quale si trovavano gli attivisti, tutti si trovano in custodia cautelare a Murmansk. Il giorno dopo, intervenendo a un convegno internazionale, il presidente Vladimir Putin affermo' che gli arrestati avevano violato diverse norme di diritto internazionale, ma che non potevano considerarsi pirati.

Tags:
russia greenpeace
in evidenza
Satta-Berrettini, la mossa di Melissa spiazza tutti

Gossip sorprendente

Satta-Berrettini, la mossa di Melissa spiazza tutti


in vetrina
Nespresso, ottenuta certificazione per la parità di genere

Nespresso, ottenuta certificazione per la parità di genere


motori
Alfa Romeo svela le nuove Giulia e Stelvio

Alfa Romeo svela le nuove Giulia e Stelvio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.