A- A+
Esteri

Le autorita' russe hanno trasferito l'equipaggio di Greenpeace che nelle scorse settimane si e' reso protagonista di una clamorosa protesta nell'Artico a bordo della rompighiaccio Artic Sunrise: gli attivisti, che sono tutti accusati di teppismo, sono stati caricati su un treno che ha lasciato il porto di Murmansk dove erano detenuti in stato d'arresto. Lo ha reso noto l'organizzazione ambientalista. I 28 attivisti e due reporter, arrestati nel mese di settembre per la protesta contro una piattaforma petrolifera nel mare di Pechora, hanno lasciato il centro di detenzione intorno alle 5 di mattina (in piena notte italiana) e ora sono su un treno, ha spiegato la portavoce Dannielle Taaffe. Secondo voci 'persistenti' in ambienti diplomatici, ha aggiunto, gli uomini di Greenpeace -tra i quali l'italiano Cristian D'Alessandro- saranno trasferito a San Pietroburgo.

Tags:
russia greenpeace
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.