A- A+
Esteri
Le deputate bevono più dei colleghi uomini. Il sondaggio

Le parlamentari britanniche bevono piu' dei colleghi uomini, hanno una vita piu' irregolare e sono anche piu' stressate. E' il risultato di un sondaggio effettuato fra i deputati di Westminster dalla societa' Nuffield Health e pubblicato dal conservatore Daily Telegraph. Cosi', mentre il 21% delle parlamentari donne beve oltre i limiti consigliati dal dipartimento della Salute (nove pinte di birra a settimana o nove bicchieri di vino, considerati come limite massimo oltre il quale iniziano i seri danni per il corpo), fra i colleghi maschi la percentuale si ferma al 19. Inoltre, il 50% delle deputate ha dichiarato di condurre uno stile di vita "poco salutare", rispetto al 39% degli uomini. Ma il sondaggio ha rilevato anche il livello di stress percepito da chi siede nelle stanze del potere di Westminster. Il 38% delle parlamentari e' "al limite di sopportazione", contro il 20% dei colleghi uomini.

Tags:
deputate
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.