A- A+
Esteri

Un'autobomba e' esplosa davanti all'ambasciata francese a Tripoli, ferendo due gendarmi francesi addetti alla sicurezza e causando gravi danni. Due esplosioni hanno distrutto il muro di cinta e un angolo dell'edificio che ospita la rappresentanza diplomatica, una palazzina di due piani nel quartiere residenziale Andalusia.

Dei due gendarmi feriti, uno e' in gravi condizioni mentre l'altro ha riportato solo lesioni lievi. L'attacco non e' stato rivendicato e non e' chiaro chi ne siano gli autori, anche se le piste possono essere quella di gruppi estremisti attivi nel Paese, compresa Al Qaeda nel Maghred islamico, dei nostalgici di Muammar Gheddafi o di una vendetta per l'intervento francese in Mali contro i ribelli islamisti. Le eplosioni hanno danneggiato altre due vetture che erano parcheggiate e due ville nei pressi dell'ambasciata. La strada e' stata invasa dall'acqua per la rottura di alcune tubazioni.

L'attentato, avvenuto alle 7 del mattino, e' il primo nella capitale dal conflitto del 2011 che porto' alla cacciata di Muammar Gheddafi. E' anche la prima volta che viene attaccata un'ambasciata a Tripoli, dopo l'attentato di settembre al consolato Usa di Bengasi in cui morirono l'ambasciatore e altri tre americani. Il 12 gennaio, sempre a Bengasi, era stata attaccata l'auto del console italiano, Guido De Sanctis, illeso.

Il presidente francese, Francois Hollande, ha chiesto al governo libico di fare chiarezza su quello che ha definito come un attacco "inaccettabile". Su istruzione del capo dell'Eliseo, il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, e' partito per Tripoli per valutare la situazione e assistere nelle operazioni di rimpatrio delle due guardie di sicurezza francesi.

Il ministro degli Esteri libico, Mohammed Abdel Aziz, ha condannato l'attentato definendolo "un atto terroristico contro un Paese fratello che ha sostenuto la Libia durante la rivoluzione" del 2011 che porto' alla cacciata di Gheddafi. Fu infatti l'ex presidente francese, Nicols Sarkozy, a sostenere per primo i raid della Nato contro le forze del regime. L'Italia ha espresso la piu' ferma condanna dell'attentato dicendosi "solidale con le autorita' francesi e con quanti sono stati colpiti da questo vile atto criminale". "Il grave episodio accaduto oggi", si legge in una nota della Farnesina, dimostra che in Libia continuano ad operare forze estremiste, che mirano a far deragliare il processo di transizione democratica".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
libia autobomba
in evidenza
Manchester United-Atalanta dove vederla: le news

Champions show

Manchester United-Atalanta dove vederla: le news

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido

nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.