A- A+
Esteri
Libia, militari italiani in azione. Ma il governo lo tiene segreto

++Libia: truppe 'Serraj', preso quartier generale Isis a Sirte ++

Arriva la conferma. Le forze speciali italiane stanno operando in Libia, come anticipato da la Repubblica. La notizia è stata poi confermata all'Ansa da fonti istituzionali: si tratterebbe di alcune decine di militari dei corpi speciali il cui compito è attualmente quello di formazione e addestramento. Le stesse fonti spiegano inoltre che i militari inviati in Libia stanno operando sotto le dirette dipendenze della presidenza del Consiglio.

Stucchi (Copasir), non commento notizie stampa inesatte - "Non ritengo opportuno commentare notizie stampa inesatte". Così il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, contattato dall'Agi, risponde in merito all'indiscrezione secondo cui il Copasir sarebbe stato informato gia' la settimana scorsa con un documento del governo della presenza di forze speciali italiane in Libia.

Il documento segreto - Secondo rumors, il documento sarebbe stato redatto dal Cofs (Comando interforze per le Operazioni delle Forze Speciali), di cui per primo ha dato notizia L’Huffington Post, e poi trasmesso al Comitato di controllo sui servizi segreti (Copasir). E' classificato come “segreto”.

Ok di Renzi - Il documento parla di operazioni effettuate in applicazione della normativa approvata lo scorso novembre dal Parlamento, che consente al Presidente del Consiglio di autorizzare missioni all’estero di militari dei nostri corpi d’elite ponendoli sotto la catena di comando dei servizi segreti con tutte le garanzie connesse. Immunità compresa. Motivo per cui l’Italia tecnicamente non si può considerare in guerra.

Libia: M5S, governo ha nascosto verita' a Parlamento e Paese - "Oggi gli italiani scoprono che il proprio paese e' militarmente impegnato in Libia con forze speciali impiegate per lo sminamento e addestramento delle forze filo governative libiche. E' gravissimo che lo apprendano dalla stampa e non dal governo, che sino ad oggi ha nascosto la verita' al Parlamento e al paese senza mai degnarsi di metterci la faccia e dire le cose come stavano". Lo affermano in una nota i parlamentari M5S delle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato. "Il governo - continuano - si fa forte del famoso articolo 7bis inserito nel decreto missioni per permettere l'uso di militari su un fronte di guerra senza l'autorizzazione del Parlamento, ma quell'articolo parla chiaramente dell'invio di uomini a supporto di operazioni di intelligence, che niente hanno a che vedere con quello che le nostre forze speciali stanno facendo in Libia. Prima con la concessione delle basi aeree e ora con i propri uomini sul campo, questo governo ha di fatto coinvolto l'Italia in un teatro di guerra senza passare per il Parlamento". 

Libia: truppe 'Serraj', preso quartier generale Isis a Sirte - Le forze militari vicine al governo di unita' nazionale libico del premier Fayez al Serraj hanno annunciato nel tardo pomeriggio di oggi di aver conquistato il quartier generale di Isis a Sirte, che stanno progressivamente liberando dalle sacche di resistenza delle forze del sedicente califfo Abu Bakr al Baghdadi. 

Tags:
libia stucchi copasirlibia forze italiane renzilibia forze italiane stucchi
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroen: grande successo commerciale per le nuova C4 e Ë-C4

Citroen: grande successo commerciale per le nuova C4 e Ë-C4


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.