A- A+
Esteri
Lo Porto/ Stucchi (Copasir): compound colpito target giusto. Ma...


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"A gennaio gli americani hanno fatto questo raid con dei droni cercando di colpire un compound dove c'erano dei talebani. Il compound era un target giusto e di solito dove ci sono i talebani non vengono tenuti anche gli ostaggi e invece in quel caso lì, purtroppo, c'erano anche degli ostaggi". Il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, intervistato da Affaritaliani.it, commenta la morte del cooperante italiano Giovanni Lo Porto. "L'altro ostaggio è un americano".

Si può parlare di un incidente? "Il problema è che l'obiettivo era giusto e l'operazione era condotta contro un obiettivo di quelli, tra virgolette, certificati. Ovvero di quelli che vengono scelti in base a informazioni precise. Gli ostaggi non ci dovevano essere e di solito non sono presenti in quel tipo di compound". Quindi gli americani non hanno nessuna responsabilità? "Bisogna capire se è stato fatto, prima di utilizzare il drone, tutto il possibile per verificare l'effettiva presenza solo di talebani. Ma questo lo vedremo più avanti. Ripeto, normalmente nei compound di quel tipo gli ostaggi non ci sono".

Perché la notizia è uscita solo ora, tre mesi dopo la morte? "Dipende di che livello parliamo", risponde Stucchi. Cioè? Qualcuno sapeva? "Può darsi che qualcuno sapesse qualcosa, ma serviva individuare i corpi e verificare tutto con il dna. Non è così semplice recuperare queste informazioni e prima di dare una notizia del genere bisogna essere certi che fossero davvero loro i soggetti. Ufficialmente la notizia è stata data con questo ritardo rispetto a quando è davvero accaduto il fatto ma perché bisogna essere certi. Non si possono commettere errori".

Tags:
stucchi lo porto copasir
in evidenza
Excel, scoppia la polemica social "E' più importante della storia"

Il dibattito sulla scuola

Excel, scoppia la polemica social
"E' più importante della storia"

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.