A- A+
Esteri

Truppe di Francia e Ciad hanno lasciato Kidal, ex roccaforte dei ribelli islamisti nel Mali orientale, e hanno puntato verso Aguelhok, 160 chilometri piu' a nord, verso il confine con l'Algeria. Da li' intendono proseguire fino a Tessalit, e quindi occupare il massiccio dell'Adrar des Ifoghas, unica catena montuosa del Paese africano, dove si ritiene che le milizie jihadiste abbiano i loro ultimi nascondigli, grazie anche alle grotte e ai cunicoli di cui l'area e' costellata.

L'avanzata verso le montagne, dove gli insorti erano stati costretti ad arretrare dai raid dell'Aviazione francese, e' stata riferita un portavoce delle Forze Armate maliane, capitano Aliou Toure'. L'insidia rappresentata dai guerriglieri rimane comunque elevata: in un messaggio diffuso on-line il Mujao, il Movimento per l'Unita' e la Jihad nell'Africa Occidentale che costituisce uno dei gruppi in cui sono organizzati, ha annunciato di aver "aperto una nuova zona di combattimento", preparando attacchi ai convogli militari e creando campi minati. Proprio una di tali mine due giorni fa ha ucciso quattro civili tra Gao e Douentza, anch'esse gia' bastioni insurrezionali.

Tags:
mali francia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.