A- A+
Esteri
Obama a Renzi: "L'austerity blocca la crescita Ue. Bene le riforme italiane"

"L'austerity ha contribuito a rallentare la crescita europea": parola del presidente americano, Barack Obama, che sprona l'Europa a un approccio diverso per rilanciare la sua asfittica economia nel giorno in cui riceve alla Casa Bianca, il premier Matteo Renzi.

"Credo che l'esperienza degli Stati Uniti nel corso degli ultimi otto anni dimostri la saggezza del nostro approccio", ricorda il presidente americano in un'intervista al quotidiano Repubblica. "Altri Paesi hanno adottato un approccio diverso. Credo che le misure di austerita' abbiano contribuito al rallentamento della crescita in Europa. In certi Paesi, abbiamo visto anni di stagnazione, che ha alimentato le frustrazioni economiche e le ansie che vediamo in tutto il continente, soprattutto tra i giovani che hanno piu' probabilita' di essere disoccupati. Ecco perche' penso che la visione e le riforme ambiziose che il primo ministro Renzi sta perseguendo siano cosi' importanti. Lui sa bene che Paesi come l'Italia devono proseguire il loro percorso di riforme per aumentare la produttivita', stimolare gli investimenti privati e scatenare l'innovazione".

"La visione e le riforme ambiziose che il primo ministro Renzi sta perseguendo" sono "importanti". Ne e' convinto il presidente Usa, Barack Obama, che loda lo sforzo riformatore del premier italiano. "Lui sa bene che Paesi come l'Italia devono proseguire il loro percorso di riforme per aumentare la produttivita', stimolare gli investimenti privati e scatenare l'innovazione", spiega il presidente americano, in un'intervista a Repubblica. "L'economia italiana ha ricominciato a crescere. Piu' italiani stanno lavorando", prosegue Obama che in serata ricevera' alla Casa Bianca il premier italiano. "Matteo sa bene che il progresso deve essere ancora piu' veloce, e un tema centrale delle nostre discussioni sara' come i nostri Paesi possano continuare a lavorare insieme per creare piu' crescita e occupazione su entrambe le sponde dell'Atlantico".

L'Isis ha perso oltre la meta' del territorio popolato che controllava una volta e alla fine perdera': il presidente Usa, Barack Obama, non ha dubbi sull'esito della guerra contro i jihadisti del cosiddetto 'califfato'.
   "La nostra coalizione continua ad essere implacabile contro l'Isis su tutti i fronti", ricorda in un'intervista a Repubblica. "I raid aerei della coalizione continuano a martellare obiettivi dell'Isis. Continuiamo ad eliminare alti dirigenti e comandanti Isis in modo da impedire loro di minacciarci di nuovo. Continuiamo a colpire le loro infrastrutture petrolifere e reti finanziarie, privandoli del denaro per finanziare il loro terrorismo. Sul terreno in Iraq, l'Isis ha perso oltre la meta' del territorio popolato che controllava una volta, e le forze irachene hanno iniziato le operazioni per liberare Mosul. E' da piu' di un anno che l'Isis non e' riuscita a portare avanti una grande operazione di successo in Iraq o in Siria. Insomma, l'Isis rimane sulla difensiva, la nostra coalizione e' sull'offensiva, e anche se questa continuera' ad essere una lotta molto difficile, io ho fiducia che vinceremo e l'Isis perdera'". Il presidente americano ha sottolineato inoltre che l'Italia e' "un partner essenziale" nella coalizione anti-Isis, ricordando il suo ruolo di formazione dei poliziotti iracheni e quello di stabilizzazione in Libia.

Tags:
obama renzi cena casa bianca
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.