A- A+
Esteri
Prigozhin sfida Mosca e poi fa retromarcia, siamo al 25 luglio di Putin?

Guerra Russia Ucraina, il capo della Wagner sfida Putin e Zelensky trema ma la pace è l'unica via d'uscita dal conflitto 

Daniele Capezzone ha elencato non so quanti possibili scenari (intorno a sette) in cui si potrebbe collocare la clamorosa svolta di Prigozhin. Non avendo la sfera di cristallo non ha detto verso quale lui propende. "lo scopriremo solo vivendo" è la sua saggia posizione. Usando un po' l'accetta, riduco a due tipi tutte le possibili supposizioni: erano vere le minacce di abbandonare la battaglia se non fossero giunte munizioni, inizialmente, entro il 10 maggio scorso.

Avendo pazientato più di un mese, il cuoco di Putin ha infine deciso di andare a far ordine nella cucina di Putin, ricavandone un guadagno politico tipo Mussolini con la "marcia su Roma"; Baby Zel, viziatissimo da papi Biden, gli ha detto: "Prigozhin è un mercenario? Allora compramelo!". 

E, se il mercenario è davvero un mercenario "serio" e va con chi gli offre di più, dichiarando guerra non a Putin, ma ai suoi comandanti militari, avrebbe dimostrato d'essere, oltre a quell'avanzo di galera documentato dal suo curriculum, anche un fine calcolatore, mettendo Putin con le spalle al muro e col terribile dilemma: sparo al cuoco mercenario Gran Capo di mercenari o al Ministro della difesa e i suoi generali incompetenti a detta del cuoco? Da notare che le due ipotesi non sono alternative.  L'acquisto del cuoco poteva comprendere anche la ricetta su come comportarsi, evitando un clamoroso 8 settembre.

LEGGI ANCHE: Russia, Prigozhin a Minsk: niente processo. Ma Putin rischia. "Usa sapevano"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra ucrainaprigozhinputinrussia





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.