A- A+
Esteri
Silvia Romano e la pista dell’avorio. Dal Kenya l'ipotesi clamorosa
Silvia Romano

 

Fazzolettata o meno, che ci faceva l’ex Silvia Romano, ora Aisha,  in Africa, al di là dei selfie?

Ecco, dalla palude dei blog complottisti , che tutto spiegano con il sorriso di chi ha letto il pendolo di Focault di Eco, emerge una nuova pista africana: quella dell’avorio.

E qui precipitiamo  in pieno clima  letterario di Conrad, con i trafficanti belgi e il colonnello Kurtz.

Aisha  come Kurz, quindi, nel cuore di tenebra della savana somala?

Spunta dal blog di Cesare Sacchetti, “la cruna dell’ago” (nella Top 5 dei superdiffusori di fake news secondo la società americana Newsguard)  una inquietante notizia: la polizia kenyota da subito aveva  affermato che Silvia Romano era coinvolta nel traffico illegale d’avorio…

Bufala? Sola? Fakenews? Scoop?

Sophie Njokafoto di Sophie Njoka, reporter del
Daily Kenya di Nairobi, che ha
pubblicato il report su Silvia Romano

 

Una notizia  clamorosa che getterebbe nel panico lo zoccolo duro dei lettori buonisti , per la felicità dei giallisti: ecco una luce completamente diversa sul rapimento della 24enne milanese. Silvia Romano non si sarebbe trovata in Kenya per attività di volontariato e di cooperazione per conto della Ong Africa Milele-afferma il blog nella top ten di Newsguard  - ma perchè sarebbe stata invischiata in un traffico d’avorio conclusosi male per i mancati pagamenti da parte della cooperante.

La fonte? A fornire questa versione è stata  la giornalista Sophie Njoka, firma del People Daily Kenya. In un articolo pubblicato dal gruppo mediatico americano Media Max Network lo scorso 18 febbraio 2019  veniva infatti titolato: “La polizia riporta che la rapita italiana trattava nel commercio d’avorio”

La notizia era stata fatta sparire dal sito originale ed è stato possibile recuperarla solo attraverso il sito internet Wayback Machine dove è oggi  possibile leggere la versione originale dell’articolo. Una segnalazione stagionata, quindi. Che il  blog-reporter Cesare Sacchetti   riesuma dal cimitero degli scoop  per regolare autopsia. Una notizia che però è scomparsa nel pieno kaos mediatico della post-quarantena.

I fatti tutti da verificare, assomigliano alla trama di un romanzo giallo.Nessun quotidiano italiano ha finora dato notizia di questa informazione che cambierebbe completamente la versione dei fatti proposta fino ad ora sul rapimento della Romano.Vediamo allora la versione alla fonte, quella  della polizia keniota.

silvia romano 1
 

L’arrivo della cooperante nel Paese africano risale al lontano  5 novembre 2018. Secondo la versione che fu poi  stata fornita dai media, la Romano si trovava nel villaggio di Chakama, in Kenya, per svolgere volontariato a favore dei bambini africani. Ma la storia .secondo la polizia kenyota- sarebbe stata molto diversa da quanto effettivamente  venne raccontato. Depistaggio? Vediamo.

Torniamo al 2018. Ufficiali della polizia keniota citati dalla giornalista Sophie Njoka sostengono che la giovane era giunta nel Paese per partecipare ad un traffico internazionale d’avorio di svariati milioni di euro. La giovane infatti sarebbe stata in contatto costante con uno dei suoi rapitori, Said Adan Abdi, fino ad essere rapita da quest’ultimo e da altri membri di una banda composta presumibilmente da almeno 8 persone il 20 novembre 2018. La ragione del rapimento – sempre secondo i Maigret del Kenya- sarebbe dovuta al fatto che la Romano si era impegnata ad acquistare una partita di avorio, frutto di traffici illegali, dallo stesso Abdi ma poi la ragazza non aveva effettivamente proceduto ad onorare il pagamento per l’acquisto della merce. La giovane, secondo la polizia locale, sarebbe poi riuscita comunque a far uscire l’avorio dal Paese rivedendolo ad un altro acquirente, ma nonostante questo non avrebbe proceduto ad onorare il pagamento del materiale.

silvia romano 2
 

Questa la versione delle autorità investigative keniote citate dalla Njoka.Bufala?

Racconta la giornalista Sophie Njoka che il trafficante avrebbe quindi minacciato più volte la donna per avere il denaro che era stato pattuito, ma senza successo. I contatti tra i sequestratori e la ragazza  erano  stati frequenti per tutti i giorni precedenti il sequestro, avvenuto il 20 novembre. L’uomo infatti avrebbe tempestato di messaggi il cellulare della Romano nel tentativo fallito di avere i soldi promessi.

Da quel momento, sarebbe scattata la ritorsione dei criminali che vistisi buggerati dalla donna avrebbero deciso di rapirla per chiedere un riscatto e poi, in un secondo momento, avrebbero preso la decisione di venderla al gruppo di terroristi islamici di al-Shabaab che l’avrebbero condotta fuori dal Kenya per portarla in Somalia, il Paese dove la presenza degli islamisti è più radicata e nel quale la cooperante Ong avrebbe trascorso la maggior parte della sua prigionia. Insomma, una trama da Audace colpo dei  soliti ignoti  finita male.

 

A due distanze di settimane dal suo rapimento, la reporter kenyota  segnalava altri importanti elementi. L’8 dicembre 2018 infatti fu arrestato un ufficiale corrotto del Kenya Wildlife Service, un’istituzione gestita dal governo keniota per la protezione della fauna selvatica del Paese.L’ufficiale fu  arrestato assieme a suo fratello con l’accusa di essere entrambi coinvolti nel rapimento della Romano. L’uomo avrebbe rivelato alla polizia che la ragione dell’operazione criminale era quella di ottenere un riscatto per recuperare le somme di denaro che la giovane doveva in un primo momento alla banda per l’acquisto dell’avorio.La Romano si sarebbe  quindi trovata coinvolta in un traffico di avorio finito poi con il suo sequestro.

Il blog  di Sacchetti qui si ferma. Ma un diluvio di fonti , tutte da verificare, danno lavoro ora ai cacciatori  di fake news e ai funzionari del Ministero della Verità  . Cosa scopriranno  seguendo la pista conradiana di Aisha.. E’ davvero una storia di maledetto avorio, con un  Kurz  in gonnella alla fine convertitosi a Maometto?Ad alimentare i sospetti dei malinformati  complottisti, la perquisizione dei Ros nella sede della Ong Africa Milele: cosa cercavano veramente?

Fonti:

https://www.youtube.com/watch?time_continue=32&v=MmqllE9e0Vg&feature=emb_logo

https://africanelephantjournal.com/abducted-italian-dealing-in-ivory-trade-cops-claim-kenya/

http://www.cronachelodigiane.net/2020/05/la-polizia-keniota-silvia-romano-era-coinvolta-nel-traffico-illegale-d-avorio.html

http://www.coastweek.com/4148-Italy-to-spare-no-effort-to-take-abducted-aid-worker-home-safely-from-Kenya.htm

https://www.the-star.co.ke/counties/coast/2019-02-22-was-abducted-italian-aid-worker-victim-of-an-ivory-deal-gone-sour/

https://www.kenyans.co.ke/news/37077-abducted-italian-aid-worker-involved-multi-billion-ivory-trafficking-trade-police

Loading...
Commenti
    Tags:
    silvia romano avorio kenyasilvia romanosilvia romano avoriosilvia romano avorio traffico
    Loading...
    in evidenza
    Dayane Mello avvisa Belen "Antinolfi stava già con me"

    "Apri gli occhi"

    Dayane Mello avvisa Belen
    "Antinolfi stava già con me"

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, foto col nuovo fidanzato: il ricco imprenditore Giulio Fratini

    Raffaella Fico, foto col nuovo fidanzato: il ricco imprenditore Giulio Fratini


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    BMW iX3, il primo SAV completamente elettrico

    BMW iX3, il primo SAV completamente elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.