A- A+
Esteri
Siria, i ribelli moderati non esistono: in guerra contro Assad Isis e Al Qaeda
Un combattente jihadista di un gruppo affiliato a Al Qaeda ad Aleppo.

Siria, ma quali ribelli moderati? Dopo il ritrovamento di fosse comuni a Aleppo est, emerge la verità: la guerra contro Assad la fanno solo Al Qaeda e Isis

 

Un fantasma si aggira per la Siria del regime di Assad devastata dalla guerra: i ribelli moderati. Dopo che l'esercito siriano con l'aiuto dei russi ha occupato la parte orientale di Aleppo, qualcosa nella narrazione dei media occidentali si è inceppato. Il ritrovamento di fosse comuni con decine di cadaveri di uomini, donne e bambini orribilmente torturati e mutilati imbarazza chi si è ostinato a raccontare l'assedio in termini di eroica resistenza dei ribelli (moderati, of course) contro il “feroce bombardamento” russo-siriano. Ma non erano le bombe del regime a intrappolare la popolazione civile? E i ribelli non erano, appunto, moderati? E non è proprio per questa moderazione che sono stati armati e finanziati non solo dall'Arabia Saudita, ma anche direttamente dalla Cia, cioè dagli Stati Uniti d'America? 

 

 

Siria, i ribelli cosiddetti moderati che fanno la guerra a Assad sono di Al Qaeda o dell'Isis

 

 

«Molti dei "ribelli" che noi in Occidente abbiamo finora sostenuto sono tra i più crudeli e spietati combattenti presenti in tutto il Medio Oriente» scrive Robert Fisk, uno degli inviati in Siria più autorevoli, sull'Independent – che non nasconde, giustamente, i tanti crimini del regime di Assad: torture, esecuzioni, uccisione di civili, distruzione di quartieri in mano ai ribelli e così via. Difficile dargli torto. Basta guardare per esempio a Harakat Nour al-Din al-Zenki, che era una delle fazioni ribelli più importanti ad Aleppo, gruppo indipendente parte del Consiglio del Comando Rivoluzionario Siriano. Oltre a essere stato supportato dall'Arabia Saudita come alleato del fronte Autenticità e Sviluppo, ha ricevuto sostegno finanziario dagli Stati Uniti attraverso un programma della CIA volto a finanziare i gruppi di ribelli moderati. Ha ricevuto anche dei missili anticarro BGM-71 TOW di produzione statunitense. 

 

 

In Siria i cosiddetti ribelli moderati finanziati e armati dalla Cia hanno decapitato un bambino

 

 

Peccato che nel luglio dell'anno scorso si sia diffuso in Rete l'abominevole video di un gruppo di miliziani proprio di Harakat Nour al-Din al-Zenki, finanziati e armati dunque dagli Stati Uniti, che decapitano un bambino palestinese di circa 10 anni accusato di essere una spia di Liwaa Al Quds, una brigata palestinese che sostiene Assad. Ma non erano moderati? E gli altri gruppi che hanno combattuto nella parte orientale di Aleppo contro il regime di Assad, non erano moderati? Come no: dominati da Al Qaeda, in tempi più recenti chiamata “Jabhat al-Nusra” e attualmente “Jabhat Fateh al-Sham”, così come in altre zone della Siria a combattere il regime è l'Isis... Al Qaeda, dunque. Stiamo parlando dei responsabili dell'attacco alle torri del World Trade Center dell'11 settembre 2011: do you remember? Sembrava che tra i media occidentali, impegnati a pubblicare senza verifiche di sorta i dati forniti dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, fondato da un oppositore di Assad e mantenuto dal governo inglese, non se ne accorgesse nessuno.

 

 

Siria, anche il Corriere si accorge che i ribelli moderati sono islamisti più feroci dei miliziani Isis

 

 


Ma improvvisamente, dopo la fine della battaglia di Aleppo, in molti sembrano essersi accorti che le cose sono diverse da come sono state raccontate. Per esempio l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, che nel giro di pochi giorni ha prima lanciato l'allarme per la possibile uccisione da parte dell'esercito siriano di centinaia di persone in fuga dalla città; poi ha affermato: «nelle scorse due settimane il Fronte “Fatah al-Sham” e il Battaglione “'Abu Amara” sono stati accusati di aver rapito e ucciso un numero imprecisato di civili a cui era stato chiesto dai gruppi armati di lasciare i rispettivi quartieri, proprio per risparmiare la vita dei civili...». E se perfino il Corriere della Sera, con Paolo Mieli, si accorge improvvisamente della «presenza sul campo di battaglia di gruppi armati islamisti al momento persino più forti e feroci di quelli riconducibili a Daesh», vuol proprio dire che qualcosa è cambiato. «Cosa si dovrebbe fare quando i qaedisti, per di più con armi fornite sia pur involontariamente dai nostri alleati, resistono ad oltranza tenendo in ostaggio una popolazione?» si chiede Mieli, seppellendo schiere di titoli del Corrierone sullo spietato assedio della città e sulla popolazione intrappolata dai bombardamenti, che oggi si scopre essere invece stata tenuta in ostaggio dai ribelli... ex moderati. Quanto all'involontarietà della fornitura di armi agli jihadisti, di involontario pare esserci più che altro la comicità... 

 

 

Siria, l'Esercito Libero Siriano è evaporato da un pezzo e gli Usa lo sanno perfettamente

 

 

E torniamo al fantasma, i ribelli moderati. Lo stesso Robert Fisk dell'Independent nel 2015 già giurava di aver sentito con le sue orecchie l'ex numero 2 in Iraq di David Petraeus affermare che i ribelli moderati in Siria non esistevano più da un pezzo. Ma che fine ha fatto l'Esercito Libero Siriano? Semplice, è presto andato in mille pezzi. I suoi componenti sono entrati in gran numero nel  fronte al-Nusra e nell'Isis. In molti hanno venduto le armi ricevute dagli americani a peso d'oro, per poi magari ritirarsi a vita privata. Il Washington Institute for Middle East Policy, in uno studio dedicato all'ipotesi di cacciare al Nusra dalla Siria del Nord per mezzo del sedicente Esercito Libero Siriano, ha concluso trattarsi di mission impossibile. La guerra nelle regioni settentrionali infatti non è altro che una competizione tra le diverse fazioni salafite, alcune delle quali come al Nusra hanno giurato fedeltà ad Al Qaeda, altre come Ahrar ash-Sham non l'hanno fatto, mentre l’Els non ha alcun peso reale, con buona pace dei media. Il che dimostra una volta di più che gli Stati Uniti conoscono da tempo la verità: i ribelli moderati siriani, semplicemente, non esistono.

Tags:
siriaribelli moderatiassad
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen rinnova la gamma del Berlingo

Citroen rinnova la gamma del Berlingo


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.