A- A+
Esteri

Un massacro in Siria, secondo quanto denunciano gli attivisti: l'assalto dell'esercito siriano in un villaggio alla periferia di Homs, nel centro del Paese, ha causato 106 vittime civili, tra cui donne e bambini. L'organizzazione che fa la denuncia, l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, che ha sede a Londra ma si avvale di una serie di informatori sul terreno, sostiene che il massacro e' avvenuto martedi' ed e' andato avanti per 24 ore. Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ha definito "blasfemi" i tentativi di accusare le forze del governo siriano dell'attentato di Aleppo. Lo riporta l'agenzia Interfax citando il capo della diplomazia di Mosca, il quale ha commentato la strage di martedi' in Siria durante una conferenza stampa a Dushanbe, Tagikistan. "Ho visto un servizio della Cnn", ha detto riferendosi al canale televisivo americano, "in cui si sosteneva che l'attacco terrorista era stato opera delle forze governative. Non posso immaginare bestemmia maggiore di questa". Mercoledi' il ministero degli Esteri russo, tramite il suo dipartimento Informazione, aveva condannato le esplosioni di marted¼ ad Aleppo, addebitando la colpa ai "terroristi" che combattono contro le forze governative.

Intanto il ministro dell'Educazione siriano dopo l'attentato di lunedì all'università di Aleppo che ha causato 87 morti ha deciso la chiusura di tutte le facoltà del paese fino a quando non verranno individuati i mandanti della carneficina

Tags:
siriadonnebimbi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.