A- A+
Esteri
Spagna, Rajoy in Catalogna: "Sono qui per mettere fine al delirio separatista"

Ritorno in Catalogna per Mariano Rajoy. Per la prima volta da quando la regione è stata commissariata da Madrid, il premier spagnolo ha visitato Barcellona. L'occasione è il lancio ufficiale della campagna elettorale del Partito Popolare della Catalogna in vista del voto del 21 dicembre indetto per scegliere il nuovo presidente della Generalitat, dopo la destituzione di Carles Puigdemont, ora in auto-esilio a Bruxelles. La visita arriva all'indomani della grande manifestazione degli indipendentisti, scesi in piazza in 750mila contro le decisioni del governo spagnolo. 

Rajoy, hanno ammonito i sostenitori pro-indipendenza, che non potrà mai far "tacere" il Partito popolare della Catalogna (PPC), un partito che è la voce della "coraggiosa Catalogna". Il premier ha partecipato alla cerimonia ufficiale di presentazione di Xavier Garcìa Albiol che sarà candidato alla Generalitat.

Durante l'intervento il primo ministro ha sottolineato come la decisione di applicare l'articolo 155 della Costituzione sia nata dopo aver "esaurito tutte le vie". Rajoy ha difeso questa misura per porre fine al "delirio" dei separatisti "e ha osservato che la decisione è arrivata dopo aver esaurito tutti gli inviti" e i possibili mezzi "per frenare l'aggressione alla coesistenza".  "Abbiamo dovuto recuperare il rispetto per la libertà e la convivenza ed è stato urgente ripristinare l'autogoverno e l'interesse generale", ha sottolineato il premier.

Secondo Rajoy era anche "impossibile restituire la legalità alle istituzioni in Catalogna". "Ecco perchè l'abbiamo fatto e non per un altro motivo", ha aggiunto. Il primo ministro ha poi insistito sul fatto che il l'articolo 155 della Costituzione (che permette al governo spagnolo di obbligare una comunità autonoma di rispettare determinate disposizioni costituzionali  o  di legge) è un "eccezionale, ma non esclusivo meccanismo di Spagna" e ha insistito sul fatto che i Paesi come la Francia e la Germania avrebbero fatto lo stesso se una delle loro regioni avesse detto che la Costituzione non si applicava in quel territorio.

Tags:
rajoy catalogna
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroen: grande successo commerciale per le nuova C4 e Ë-C4

Citroen: grande successo commerciale per le nuova C4 e Ë-C4


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.