A- A+
Esteri
Sud Corea: destituita la presidente. E' caos, scontri in piazza

E' altissima la tensione a Seul dopo la destituzione della presidente sudcoreana, Park Geun-hye; dopo la lettura della sentenza, sostenitori dell'uno e dell'altro fronte si sono scontrati poco lontano la sede della Corte Costituzionale, nonostante l'edificio fosse blindato dalle forze di polizia. E sono morte due persone, entrambi sostenitori della Park, mentre diverse altre sono rimaste ferite. I manifestanti erano in attesa da ore della decisione della Corte Costituzionale.

Le vittime sono un uomo di 72 anni, tale Kim, deceduto mentre era trasportato verso l'ospedale a causa delle ferite riportate alla testa: l'uomo e' stato trovato incosciente vicino una fermata della metropolitana, non lontano dalla sede della Corte Costituzionale. L'altro manifestante deceduto, anche lui di nome Kim, aveva 60 anni, e' stato trovato sanguinante vicino la Corte. Secondo la polizia, tra gli altri feriti, un uomo di una cinquantina di anni, caduto dal tetto di un pullman degli agenti. Gli organizzatori della marcia pro-Park hanno riferito all'agenzia Yonhap che almeno altri 8 manifestanti hanno subito lesioni.

La capitale era in subbuglio da ore. Gia' giovedi' migliaia di studenti, issando cartelli con la scritta 'Arrestate Park Geun-hye' o 'Nessuna primavera senza l'impeachment di Park Geun-hye' avevano manifestato ala Dongguk University; le manifestazioni erano andate avanti durante l'intera giornata; mobilitata anche la Confederazione Coreana dei Sindacati, Kctu, il secondo piu' grande ombrello sindacale che aveva organizzato raduni al lume di di candela giovedi' sera. In questo contesto, era elevatissimo il livello di allerta della polizia che aveva schierato circa 20mila agenti dinanzi alla sede del tribunale e in tutte le aree adiacenti il centro, compresa la Casa Azzurra, la sede della presidenza e le altre istituzioni governative; ma evidentemente non e' bastato.

La decisione, senza precedenti nella storia recente sudcoreana, e' stata presa all'unanimita' dagli otto giudici. La presidente e' accusata di corruzione, estorsione, abuso di potere, rivelazione di segreti d'ufficio e fuga dalle responsabilita'. Ora che e' stata destituita, Park -indagata in un'inchiesta su un colossale sistema di corruzione e tangenti, messo in piedi da una sua fidata quanto ambigua consigliera, Choi Soon-sil- e' rimasta priva dell'immunita'. Ora la Corea del Sud e' obbligata ad andare alle elezioni entro 60 giorni. Ma la stabilita' del governo sudcoreano e' essenziale in un Paese che e' un alleato chiave degli Stati Uniti e dei suoi vicini asiatici; e che soprattutto e' un baluardo contro le provocatorie mire della Corea del Nord, ormai in rotta di collisione con l'intera comunita' internazionale.

Tags:
sud corea destituita presidentepresidente destituita sud coreasud corea scontrisud corea presidente destituita
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.