A- A+
Esteri

Sono almeno settecento i sospetti militanti islamisti che si trovano detenuti in Pakistan senza che a loro carico siano mai state sollevate accuse formali: lo ha riconosciuto il procuratore generale Irfan Qadir nel corso di un'audizione davanti alla Corte Suprema. Qadir ha ricordato che una simile procedura e' pur sempre autorizzata da una legge dello Stato in materia. Poche settimane fa Amnesty International l'aveva aspramente criticata, denunciando come "fornisca un quadro in cui estese violazioni dei diritti umani possono essere perpetrate nell'impunita'", in particolare dalle Forze Armate.

E' la prima volta in cui nel Paese asiatico un dignitario di grado cosi' elevato ammette un numero tanto altro di prigionieri privi di fatto di qualsiasi tutela. "C'e' un'operazione militare in corso nmel Waziristan", ha spiegato il procuratore, riferendosi a due delle remote aree tribali semi-autonome diventate veri e propri santuari per il jihadismo. "In base alla legge non ci e' possibile processare quelle settecento persone, ma neppure rilasciarle, finche' l'operazione stessa non sara' conclusa".

La Corte Suprema aveva convocato Qadir nell'ambito di un'inchiesta sulla vicenda di sette presunti jihadisti, in carcere dal maggio 2010 senza che alcun addebito sia mai stato contestato loro. Nel febbraio 2012 i sette apparvero in aula, e risultarono in condizioni fisiche pietose: alcuni quasi non erano in grado di camminare.

Tags:
pakistan

i più visti

casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.