A- A+
Esteri
tunisia voto (4)

Di primo mattino Tunisi era ridotta a una citta'-fantasma, in attesa dello sciopero generale convocato per oggi dall'Uggt, l'Unione Generale dei Lavoratori Tunisini, in concomitanza con i funerali di Chokri Belaid, il leader dell'opposizione laicista assassinato l'altroieri a colpi di arma da fuoco. Le strade apparivano deserte, con il traffico veicolare ridotto al minimo: circolavano soltanto pochi autobus e tram pubblici, a bordo dei quali ridottissima era peraltro la presenza di passeggeri. Chiusi i negozi, operativo l'aeroporto internazionale di Cartagine, dove pero' la compagnia di bandiera 'Tunisair' ha cancellato numerosi voli.

Dopo due giorni di disordini e tafferugli, si prevede che il principale sindacato tunisino, forte del suo mezzo milione di iscritti, riuscira' a portare in piazza diverse decine di migliaia di persone alla conclusione della tradizionale preghiera del mezzogiorno, nel venerdi' festivo musulmano. Si temono pero' scontri tra manifestanti e sostenitori del partito islamista Ennhada, al governo, che ha sconfessato il suo stesso primo ministro, Hamad Jebali, il quale aveva reagito all'omicidio di Belaid annunciando l'intenzione di rassegnare le dimissioni per cedere il posto a un esecutivo formato da tecnocrati, e placare cosi' le ire degli oppositori.

Tags:
tunisi fantasma

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.