A- A+
Esteri
Yanukovic: "Elezioni anticipate". Mosca blocca gli aiuti a Kiev


Il Parlamento ucraino ha deposto il ministero dell'Interno, Vitaly Zakharchenko, accusandolo di aver utilizzato la "violenza" contro i manifestanti a piazza Indipendenza. La sua uscita di scena era stata chiesta dalle opposizioni, che avevano rappresentato al tavolo del negoziato con il governo l'odio della folla contro Zakharchenko e posto la sua cacciata dal governo tra le condizioni per l'accordo con il presidente, Viktor Yanukovich.

Dopo settimane di sanguinosi scontri e grazie alla mediazione dell'Ue, l'opposizione ucraina ha accettato di siglare un accordo con il presidente, Viktor Yanukovich, per disinnescare la crisi politica a Kiev. La firma ancora non c'e', ma almeno c'e' la schiarita. "E' stato deciso di approvare la decisione di firmare l'accordo con il presidente a condizione che l'attuale ministro dell'Interno non sia confermato nel prossimo governo e che il procuratore generale venga sostituito", ha spiegato uno dei leader delle proteste pro-Ue, Oleh Tyahnybok.

Yanukovich ha promesso le elezioni presidenziali anticipate, accogliendo la principale richiesta dell'opposizione che da mesi manifesta in piazza; ha anche promesso di avviare un processo per il ripristino della Costituzione approvata dopo la Rivoluzione Arancione del 2004, che limita i poteri presidenziali, e per dar vita a un governo di unita' nazionale.

Nel messaggio Yanukovich non fa cenno a scadenze ne' alla data per le elezioni, anche se alcuni media locali dicono che la nuova Costituzione entrera' in vigore in 48 ore; e che le elezioni presidenziali si terranno invece alla fine di quest'anno e non nel 2015 come era previsto Oggi anche la figlia dell'ex premier Yulia Tymoshenko, Evghenia, in visita a Roma, ha detto che l'unica via di uscita per la guerra civile e' la convocazione delle elezioni presidenziali entro pochi mesi.

Yanukovich, peraltro, continua a perdere pezzi: da Leopoli, nell'ovest filo-europeo, decine di poliziotti sono partit per Kiev per difendere i manifestanti. Il vicecapo di Stato maggiore dell'esercito, generale Yuri Dumanski, si e' dimesso per protesta contro il tentativo del governo di coinvolgere le forze armate nella repressione delle violenze.

Le sue dimissioni seguono l'uscita di scena del capo di Stato maggiore, Volodymyr Zamana, cacciato mercoledi' da Yanukovich senza dare spiegazioni. Zamana aveva preso pubblicamente posizione contro il presidente per l'ipotesi di imporre lo stato di emergenza in risposta all'ondata di proteste anti-governative. Il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, ha avvertito che "le forze armate ucraine non dovrebbero rivolgersi contro il proprio popolo".

Da Mosca, il ministro dell'Economia russo, Alexei Ulyukayev, ha avvertito Kiev che il suo governo non ha ancora preso alcuna decisione sul versamento della seconda tranche da 2 miliardi di dollari di aiuti finanziari.

Tags:
yanukovich
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.