A- A+
Esteri

Ergastolo per i gay e le lesbiche. Il parlamento ugandese sfida la riprovazione internazionale e approva le legge che commina il carcere a vita a chiunque abbia compiuto atti omosessuali. E poteva andare peggio per gay e lesbiche, poiche' inizialmente era stata ipotizzata la pena di morte. Successivamente, ha spiegato David Bahati, il parlamentare che piu' di altri ha voluto la legge, e' stato deciso di abbandonare questa strada e varare una proposta che avra' bisogno della firma del presidente, Yoweri Museveni, per poter entrare in vigore.

La legge di oggi nasce nel 2009, quando si comincio' a metterla a punto, e subito attiro' l'attenzione di Barack Obama, che la defini' "odiosa". L'omosessualita' e' gia' illegale in Ugande, ma oltre a prevedere l'ergastolo le nuove norme criminalizzano anche il fatto che se ne parli in pubblico, anche tra i gruppi di attivisti dei diritti civili. E' stato "un voto contro il male", ha affermato Bahati, da parte di "una nazione timorata di Dio". "E' una vittoria per l'Uganda -ha continuato- questi sono i nostri valori, non importa cosa pensino nel resto del mondo".

Tags:
ugandagaylesbiche
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.