A- A+
Esteri

A 41 anni dalla terribile 'bloody sunday' del 30 gennaio 1972 in cui le truppe britanniche a Londonderry aprirono il fuoco sui dimostranti cattolici e ne uccisero 14, ora fino a 20 paracadutisti di Sua Maesta' rischiano di finire sotto processo. Lo rivela il Sunday Times dopo aver scoperto che il ministero della Difesa di Londra ha iniziato ad incaricare alcuni avvocati della difesa dei soldati sopravvissuti che oggi hanno tra i 60 e i 70 anni almeno. Militari che saranno interrogati nella fase preliminare del procedimento penale che potrebbe essere riaperto.

A 41 anni dalla terribile 'bloody sunday' del 30 gennaio 1972 in cui le truppe britanniche a Londonderry aprirono il fuoco sui dimostranti cattolici e ne uccisero 14, ora fino a 20 paracadutisti di Sua Maesta' rischiano di finire sotto processo. Lo rivela il Sunday Times dopo aver scoperto che il ministero della Difesa di Londra ha iniziato ad incaricare alcuni avvocati della difesa dei soldati sopravvissuti che oggi hanno tra i 60 e i 70 anni almeno. Militari che saranno interrogati nella fase preliminare del procedimento penale che potrebbe essere riaperto.

Questo l'ultimo sviluppo dopo 12 anni e 200 milioni di sterline spese dell'inchiesta di lord Saville. Indagini che hanno dimostrato come tutti in manifestanti quella "domenica di sangue" a Bogside fossero disarmati e che, quindi, le uccisioni siano state del tutto "ingiustificate e ingiustificabili". Il rapporto di Lord Savile ha concluso che quel giorno 26 para' aprirono il fuoco ma molti spararono in aria. In particolare, pero', due soldati, identificati come caporale F e soldato G colpirono da soli tra 8 e 10 persone.

Tags:
ulsterbloody sunday
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.