A- A+
Esteri
Usa 2016, la svolta: primo sorpasso di Cruz su Trump nei sondaggi

Ted Cruz supera Donald Trump a livello nazionale: secondo un sondaggio Reuters, per la prima volta nel 2016 il senatore ultraconservatore e' avanti tra i probabili elettori in campo repubblicano e conduce con il 39% delle preferenze contro il 37% del tycoon newyorkese. Il governatore dell'Ohio John Kasich e' lontanissimo con il 23%. Aggiudicandosi le primarie in Wisconsin Ted Cruz per i repubblicani e Bernie Sanders per i democratici fanno il pieno di delegati in una vittoria che cosi' si rivela non esclusivamente 'psicologica', ma anche sostanziale nella gara per la nomination. Stando ai risultati definitivi, sul fronte repubblicano Ted Cruz ha raccolto il 48,2% dei consensi che si traducono in 36 delegati. Seguito da Trump con il 35,1% ma che assegna soltanto sei delegati. John Kasich si assesta invece al 14,1% e non conquista alcun delegato. Per i democratici Bernie Sanders prevale con il 56,5% che si traduce in 47 delegati, Hillary Clinton ne conquista comunque 36 dopo aver ottenuto il 43,2% dei voti.

Usa 2016: in Wisconsin Cruz ferma Trump, Sanders batte Clinton - Schiacciante vittoria del repubblicano Ted Cruz alle primarie presidenziali del Wisconsin, dove potrebbe essersi infranto il sogno Donald Trump di ottenere la nomination prima della convention di luglio. Sul fronte democratico, Bernie Sanders ha avuto la meglio su Hillary Clinton ma sebbene prometta di "scioccare tutti" vincendo New York e l'incoronazione del partito, il suo svantaggio e' matematicamente difficile da colmare con 1.051 delegati contro i 1.742 dell'ex Segretario di stato e rispetto ai 2.383 necessari per l'investitura Dem.

"Oggi e' un punto di svolta", ha avvertito Cruz. "Il Wisconsin ha acceso una candela che ci indichera' la strada", ha rincarato il senatore del Texas che ha citato John F. Kennedy e Winston Churchill e si e' presentato come l'unificatore il partito. "Hillary preparati - ha avvertito Cruz - stiamo arrivando...sono sempre piu' convinto cha la nostra campagna vincera' i 1.237 delegati necessari per la nomination anche prima della convention di Cleveland". Trump, reduce da una settimana elettorale difficile dopo le dichiarazioni sull'aborto e sulla sicurezza nazionale mentre l'assedio dell'establishment Gop non molla la presa, ha diffuso un comunicato nel quale accusa Cruz di "essere peggio di un pupazzo". "E' un cavallo di Troia usato dai capi del partito per cercare di rubare la nomination a Donald Trump", ha fatto sapere la sua campagna. Per Sanders il trionfo in Wisconsin rappresenta soprattutto un'iniezione di energia. "Abbiamo vinto sette degli ultimi 8 caucus e primarie - ha ricordato - vi chiedo di mantenere il segreto perche' la Clinton e' un po' nervosa e potrebbe innervosirsi ancora di piu' ma abbiamo eccellenti chance di vincere anche New York" dove i delegati Dem in palio sono 291. Degli 86 delegati in ballo in Wisconsin, il senatore del Vermont dovrebbe aggiudicarsene almeno 44 e la Clinton 28 ma cio' significa che per ottenere la nomination Sanders deve vincere il restante 67% dei delegati in ballo e il favore dei super delegati. Sul fronte repubblicano, al netto del Wisconsin, Trump vanta 740 delegati, Cruz 474 e John Kasich 145. 

L'ANALISI: ecco come i Repubblicani vogliono liberarsi di Trump - Non c'e' da stupirsi, se Donald Trump ora fa sapere che non sosterra' nessun candidato repubblicano alla Casa Bianca che non sia lui stesso, e non solo perche' la cosa rientra perfettamente nella sua visione del mondo. Il fatto e' che ora ha la quasi certezza che il Partito Repubblicano si prepara con grande cura a far uscire un altro candidato dalla Convention di Cleveland. Anzi, e' a buon punto con il lavoro, e se lui non dovesse raggiungere il prima possibile il numero magico di 1.237 delegati, che vogliono dire designazione a botta secca fin dalla prima votazione, le cose si complicherebbero non poco. Complici lo statuto del partito e la sua dabbenaggine di miliardario che si autoimpresta alla politica senza conoscerne le sottigliezze. "Il gioco consiste nell'essere la seconda scelta di ogni delegato di Trump", e' la sintesi di Saul Anuzis, l'ex presidente del Grand Old Party del Michigan (una potenza nel partito, apertamente schierato con Ted Cruz). Il motivo e' semplice: secondo il regolamento, le primarie servono si' a designare il numero dei delegati di ciascun candidato alla convention, ma non - si badi bene - a stabilire la loro effettiva fedelta' indefessa al suo nome. In altre parole, esiste un vincolo di mandato a votare per il proprio candidato, ma solo alla prima votazione. Poi liberi tutti, nel nome del principio che il vincitore prende tutto, ma per prendere tutto deve vincere. Se non ce la fa, si faccia avanti un altro. E' la democrazia, bellezza. Si profila quindi un possibile scenario di questo tipo: se il miliardario non arriva alla maggioranza assoluta con le proprie forze, nulla impedisce che, constatato dopo la prima votazione il suo fallimento, emergano i distinguo, i ripensamenti, per non dire i tradimenti. E, in effetti, questa convention nella convention e' gia' iniziata, con gli uomini di Cruz e Kasich sguinzagliati da settimane a blandire, accarezzare, magari velatamente minacciare come in ogni congresso di partito che si rispetti. Tanto che i calcoli dello staff di Cruz prevedono fin da ora almeno 200 delegati pronti a non insistere sul loro candidato, qualora Trump non dovesse riuscire al primo colpo. Piu' del dieci percento del totale dei delegati: un'enormita'.

Il ribaltone va lentamente prendendo corpo in quella miriade di conciliaboli e convention locali che, passato il momento dei riflettori e delle primarie, concretamente selezioneranno nei prossimi tre mesi i nomi da mandare a Cleveland. Qui come ovunque, chi ha in mano la macchina del partito comanda, anche se ha perso nelle urne. E qui subentra anche il secondo elemento di forza dei complottardi: l'insipienza del candidato da battere. Uomo per sua natura poco incline a rompersi la testa sui dettagli, Trump ha trascurato questo aspetto della faccenda, come anche piu' colpevolmente hanno fatto i suoi uomini. L'uno e gli altri si sono concentrati sul voto per il candidato presidente piuttosto che su quello dei candidati delegati. Due voti diversi, due esiti altrettanto diseguali. Il risultato e' che da piu' di uno stato verranno spediti a Cleveland uomini obbligati a votare Trump, ma una volta solamente. Poi saranno felicissimi di infilare nell'urna della seconda votazione un nome ben diverso. Come saranno ben contenti di lavorare contro Trump fin dal primo momento nelle commissioni in cui si articoleranno i lavori congressuali, a cominciare dalla commissione elettorale e da quella per il programma del partito. Tutto regolare, nulla glielo impedisce: il vincolo di mandato non riguarda le idee, ma solo una croce da mettere sulla scheda. Esempio pratico: in Iowa Trump e' arrivato secondo, ed ha ottenuto sette candidati sui 30 disponibili. Sette voti sicuri solo per la prima volta. Se funziona la macchina di controllo del partito, un minuto dopo Trump avra' contro tutta la delegazione. E anche per la delegazione del South Carolina, 50 delegati su 50 tutti per Trump, i nomi e i cognomi verranno stabiliti non prima di meta' maggio, e alla fine i supporter autentici potrebbero essere molti di meno. Trump non dovrebbe lamentarsi troppo: in fondo se si fosse candidato per i democratici le cose avrebbero potuto andare anche peggio, perche' li' il vincolo di mandato non esiste nemmeno per la prima votazione. Ad ogni modo, il miliardario ha mostrato qualche preoccupazione a riguardo. Ancora qualche giorno fa ha avuto modo di dire che "ottenere il 50 percento con certi metodi non e' una cosa corretta". Gia' si prepara alla contromossa, quella di far passare gli eventuali ripensamenti come una coltellata alla schiena dell'elettorato (argomentazione non sconosciuta ad orecchie italiane, ma in America si tratta di una prima volta assoluta). Anche perche' sa bene che, per evitare la beffa, dovra' ottenere il 52 percento dei seggi ancora in palio. Dovra' vincere tutto o quasi fin da subito, ad incominciare dal Wisconsin nei prossimi giorni, dove Cruz ha scatenato un'offensiva elettorale con pochi precedenti. Le possibilita' che quella di Cleveland sia la convention repubblicana piu' combattuta degli ultimi quarant'anni sono molto alte. Nel 1976 si scontrarono Gerald Ford e Ronald Reagan. Nessuno dei due aveva la maggioranza. Vinse Ford, ma la storia l'avrebbe scritta, di li' a qualche anno, Reagan.

Tags:
usa 2016 cruz trump
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.